Redazione Paese24.it

Castrovillari, nella corte del Castello a suon di “Kalimba de luna”

Castrovillari, nella corte del Castello a suon di “Kalimba de luna”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

E’ il musicista, cantautore e percussionista napoletano, Tony Esposito, ad aver chiuso la XII edizione di “Suoni Festival Etno Jazz”, manifestazione organizzata dalla Pro Loco di Castrovillari, in collaborazione con la locale Amministrazione comunale. Una jam session, sul palco allestito nella corte del Castello Aragonese, con il M° Ciccio Nucera, cultore della musica dell’area Grecanica di Reggio Calabria. Ritmi tribali, melodie tipiche della musica partenopea, tarantelle, a suon di percussioni e organetto. Poi un omaggio a Pino Daniele e un tributo raccontato in un duetto con Valentina Balistreri, fino al suo brano più celebre “Kalimba de luna”.

Nel chiostro del Protoconvento francescano è andato in scena, invece,  il viaggio di un fantomatico Ulisse nel disegno musicale degli “Amaranta”, vocal trio Francesca Senatore, Rosaria Vulcano ed Elisabetta Nesca, avente come tema portante il Mediterraneo. A ricreare l’atmosfera dei vecchi racconti in musica dei cantastorie, restituendola alla visione e all’ascolto secondo modalità e forme espressive al passo con i tempi, invece, il cantautore ed attore italiano, Peppe Voltarelli, “Premio Suoni d’autore 2017”.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *