Redazione Paese24.it

Amendolara. “Fiori di Mandorlo” al castello. TUTTE LE FOTO

Amendolara. “Fiori di Mandorlo” al castello. TUTTE LE FOTO
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Uno spaccato di quell’Amendolara che fu nei versi di Francesco e Rocco Silvestri: muratore il padre, morto nel 1959; maestro e direttore di scuola il figlio, morto nel 2014. Il Castello ha ospitato la presentazione del libro “Fiori di Mandorlo – Amendolara nei versi di due generazioni” , una raccolta postuma dei due “cantori” voluta dal figlio di Rocco, Francesco Silvestri.

Hanno partecipato, moderati dal direttore di Paese24.it, Vincenzo La Camera: Tonino Gerundino (storico locale) che ha curato l’introduzione biografica dell’opera; il sindaco Antonello Ciminelli; gli ex dirigenti scolastici, Nicola Santagada e Tullio Masneri; il professor Vincenzo Filardi; don Franco Gimigliano e il già docente Unical, Giuseppe Trebisacce. Tra gli interventi, spazio alle letture di alcune poesie, diverse in dialetto. La serata, organizzata dall’associazione “Centro Storico Amendolara”, in collaborazione con il Comune è stata accompagnata dalle note dell’ensemble di chitarre “I Musici”.

“I due poeti hanno saputo essere immediati e spontanei, sfruttando il dialetto che è la nostra lingua madre (Santagada);
“Francesco è stato come un giullare. Con i suoi occhi ha raccontato la quotidianità del suo paese: le cose che andavano bene e quelle che andavano male” (Masneri);
“Il dialetto negli ultimi anni, grazie anche alla valorizzazione di questi scritti, è stato rivalutato. Nel dialetto si conserva la storia di una comunità” (Filardi);
“Quella di stasera è un’operazione di recupero culturale che serve a rafforzare il senso di appartenenza e identità. La Scuola e il Comune hanno il dovere di salvare dall’oblìo documenti come questi” (Trebisacce).

SFOGLIA FOTOGALLERY

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *