Redazione Paese24.it

Uova contaminate. Coldiretti Calabria: «Attenzione alle informazioni sul guscio»

Uova contaminate. Coldiretti Calabria: «Attenzione alle informazioni sul guscio»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Continua l’allarme delle uova contaminate con l’insetticida fipronil. Al centro dello scandalo alimentare Regno Unito, Belgio, Olanda, Germania e Francia; controlli a tappeto anche in Italia, prima sui prodotti provenienti dall’estero e ora passando al setaccio l’intera filiera nazionale del comparto dei derivati.

Per Coldiretti Calabria «è fondamentale fare attenzione nell’acquisto e leggere le indicazioni sul guscio delle uova di gallina. Il codice riportato (vedi foto) con il primo numero consente di risalire al tipo di allevamento (0 per biologico, 1 all’aperto, 2 a terra, 3 nelle gabbie), la seconda sigla indica il Paese d’origine (es.IT); seguono le indicazioni relative al codice Istat del Comune, alla sigla della Provincia e, infine il codice distintivo dell’allevatore».

«In Calabria – spiega Coldiretti – il consumo medio pro-capite è di 247 uova all’anno con una produzione regionale di circa 75 milioni di uova in allevamenti specializzati e circa 24 milioni di uova in allevamenti rurali per autoconsumo, quindi importiamo da fuori regione circa 79 milioni di uova di gallina annui, cioè il 44% di quello che consumiamo. Scegliere le uova prodotte in Calabria ed in Italia significa maggiore sicurezza alimentare; gli allevatori calabresi – conclude Coldiretti – stanno investendo molto nella qualità della produzione partendo dal benessere animale fino alla selezione dei cereali utilizzati nell’alimentazione delle galline».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *