Redazione Paese24.it

Riapre ospedale di Praia a Mare. A Trebisacce tutto fermo

Riapre ospedale di Praia a Mare. A Trebisacce tutto fermo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il prossimo 30 settembre riapre l’ospedale di Praia mentre quello di Trebisacce continuerà a restare chiuso nonostante le sentenze favorevoli e le solenni e pubbliche promesse del management e dei rappresentanti politici. A Praia si procederà all’apertura immediata del Pronto Soccorso e progressivamente saranno attivati tutti gli altri servizi. La notizia della riapertura dell’ospedale di Praia, chiuso, come si ricorderà, il 31 marzo 2012 insieme a quello di Trebisacce e Cariati, è stata diffusa dal deputato Enza Bruno Bossio che ha partecipato, insieme a Ernesto Magorno ed al Commissario ad Acta dell’Ospedale di Praia Eugenio Sciabica ad un incontro al Ministero della Salute a cui hanno partecipato anche il direttore generale Mauro e Funzionari della Regione.

Per la cronaca va precisato che si tratta dello stesso direttore generale e degli stessi funzionari regionali che prima della campagna elettorale, immaginando le popolazioni dell’Alto Jonio con l’anello al naso, hanno assunto pubblicamente l’impegno di accelerare l’iter burocratico e di dare subito l’avvio ai lavori di ripristino delle sale operatorie indispensabili per la riapertura del “Chidichimo”. Insomma, passata la festa, gabbato lo Santo! E’ proprio il caso di dire, perché a tutt’oggi anche i lavori di adeguamento del PPI sono fermi, mentre dei lavori alle sale operatorie si sono perse le tracce.

Pino La Rocca

Share Button

One Response to Riapre ospedale di Praia a Mare. A Trebisacce tutto fermo

  1. GIUSEPPE PAGANO 2017/08/28 at 06:24

    Eppure l’Alto Ionio cosentino è un serbatoio di voti per la Sinistra ed in particolare del PD.Lo stesso Sindaco di Trebisacce,paese dove è ubicato l’ex Ospedale è un esponente del PD.l’EX Consigliere Regionale ,Franco Pacenza,anche lui del PD abita a Trebisacce e si occupa ,su incarico del Governatore della Calabria, di Sanità.E allora, cari Sindaci di quasi tutti i Comuni dell’Alto Ionio datevi da fare perchè non ne possiamo più di questa Sanità allo sfascio.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *