Redazione Paese24.it

Stop a bibite zuccherate nelle scuole. Coldiretti Calabria: «Opportunità per l’agroalimentare»

Stop a bibite zuccherate nelle scuole. Coldiretti Calabria: «Opportunità per l’agroalimentare»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

L’impegno, a partire dal 2019, è stato annunciato dall’associazione Unesda che rappresenta in Europa i principali marchi di bevande analcoliche

Download PDF

«Un’opportunità importante per l’agricoltura e l’agroalimentare calabrese». La Coldiretti commenta così l’iniziativa dell’industria europea dei soft drink (Unesda) di non vendere più volontariamente bevande zuccherate nelle scuole secondarie dell’Ue, distributori automatici inclusi. «In Calabria – spiega – in questi ultimi tempi si sta sviluppando una vivace attività, in particolare da parte di imprese condotte da giovani e da cooperative, riguardo la predisposizione di prodotti naturali, di stagione e Made in Calabria che  può essere sostenuto con l’aiuto dei nuovi distributori automatici di frutta e verdura snack che comunque si stanno diffondendo e dove è possibile acquistare frutta fresca, spremute di origine nazionale senza aggiunte di zuccheri o grassi come alimento rompi-digiuno per una merenda sana alternativa. Per il biologico – continua Coldiretti Calabria – oltre ad essere una regione leader, oggi siamo la regione “no glifosate” e questo ha registrato un grande interesse dei produttori che stanno immettendo sul mercato produzioni “glifosate free” che certificano questa scelta».

«Noi – conclude Molinaro – ci aspettiamo molto dalle Università calabresi che possono dare un contributo fondamentale all’innovazione e alla ricerca. Per questo salutiamo con favore l’istituzione del corso di laurea, presso l’Unical di Cosenza, in ingegneria alimentare».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *