Redazione Paese24.it

Ss106. Ciminelli invita sindaci a Consiglio Comunale. Promette di incatenarsi se il progetto non verrà rivisto

Ss106. Ciminelli invita sindaci a Consiglio Comunale. Promette di incatenarsi se il progetto non verrà rivisto
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Il sindaco di Amendolara chiede un incontro al ministro Delrio

Download PDF

A poche settimane dal parere del Cipe sul progetto definitivo del Terzo Megalotto Sibari-Roseto Capo Spulico il dibattito non accenna a placarsi, anzi si accende ancor di più. Ormai è spaccatura tra i favorevoli alla realizzazione della strada “a tutti i costi” (o quasi) e i contrari, qualora il progetto dovesse restare questo. Tra i contrari spiccano i “difensori” dell’ambiente circostante che vedono, maggiormente nel tratto che interessa il comune di Amendolara, un deturpamento del paesaggio dovuto all’attraversamento della quattro corsie in trincea o comunque in rilevato. Il dibattito ha assunto davvero i connotati per spaccare l’opinione pubblica, come testimonia l’acceso confronto tra cittadini che si sta sviluppando nel forum promosso su facebook da Paese24.it

Intanto, il sindaco di Amendolara, Antonello Ciminelli, dalla penna calda in questi giorni, dopo aver scritto al governatore Oliverio invitandolo a non piegarsi alle sirene romane per “compromessi al ribasso”, scrive anche al ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Delrio che sarà presente all’Unical in questi giorni assieme ad uno stuolo di altri ministri chiamati da Oliverio per partecipare alla convention “Cantiere Calabria”.

Ciminelli, nella sua lettera, chiede a Delrio di convocare un incontro presso il ministero per «risolvere tutte quelle criticità che ciecamente, in misura sempre crescente, si sono via via acuite, fino a divenire inaccettabili e devastanti imposizioni. Sull’altare del compromesso al ribasso – continua – non può e non deve essere sacrificato un intero territorio che fa della propria bellezza l’unica arma per vincere ed affrancarsi dalla disoccupazione e dalla crisi economica atavica in cui versa». Il sindaco di Amendolara punta al ripristino del progetto preliminare dell’opera in cui il paesaggio del suo comune veniva salvaguardato. Gestione dell’attuale Ss 106 (E90), opere compensative, tempi di realizzazione per Ciminelli non sono questioni che si possono affrontare nel corso dei vari tagli di nastro, ma in riunioni apposite.

La discussione in merito continuerà venerdì pomeriggio alle 18,30 nella palestra Auditorium delle Scuole Elementari ad Amendolara paese, dove è stato convocato un Consiglio Comunale in seduta straordinaria e al quale sono stati invitati tutti i sindaci dei comuni interessati dall’attraversamento della nuova Ss 106. Anche se finora nessun collega primo cittadino ha mostrato interesse nei confronti della battaglia di Ciminelli ed infatti se qualcuno dubita sulla loro presenza al Consiglio Comunale di Amendolara non ha poi tutti i torti. Il sindaco di Amendolara comunque promette azioni eclatanti qualora le sue rimostranze non verranno perlomeno prese in considerazione a Roma. «Mi incateno sulla Ss 106 – promette – bloccando il traffico». Per venerdì, qualcuno ha suggerito di mostrare, durante il Consiglio Comunale, il progetto dell’opera su uno schermo e con un tecnico che, in maniera imparziale, lo illustri finalmente ai cittadini. Così da rendere il dibattito in questione maggiormente attendibile.

Vincenzo La Camera

 

 

 

Share Button

28 Responses to Ss106. Ciminelli invita sindaci a Consiglio Comunale. Promette di incatenarsi se il progetto non verrà rivisto

  1. Francesco 2017/09/13 at 21:21

    Bravo sindaco anche se bisognava fare queste azioni prima che il progetto definitivo venisse approvato, è importante che i cittadini capiscano la mostruosità dell’opera così come progettata mentre basterebbe davvero poco per rendere il progetto accettabile sotto tutti i punti di vista raddoppiando il tracciato dove possibile e facendo le gallerie per salvaguardare quel poco di territorio produttivo rimasto.

    Rispondi
  2. Giuseppe Ricucci 2017/09/14 at 07:23

    Bisognerebbe incatenarsi per avere al più presto la realizzazione della nuova S.S. 106 e non per impedirne l’avvio solo per difendere coloro che sono portatori di interessi personali arrampicandosi sugli specchi per difendere presunti danni ambientali.
    Gli altri sindaci, con in testa quello di Roseto, facessero fronte comune contro Ciminelli che vuole bloccare tutto.

    Rispondi
  3. francesca 2017/09/14 at 08:16

    Forse bisognerebbe rendere pubblico al cittadino il progetto in modo tale da far capire a centinaia di persone le problematiche che si andrebbero a toccare con la nuova S.S. 106 si cerca di tutelare l’ambiente su tutti i punti innanzitutto, senza nulla togliere al progresso è allo sviluppo sopratutto rurale.
    La mostruosità dell’opera porterebbe l’ennesimo scempio del territorio.

    Rispondi
  4. Francesco 2017/09/14 at 08:44

    Come si fa a non capire che il lavoro, ammesso che che ne porti (provate a chiedere direttamente al sindaco di Cassano quanti posti di lavoro ha portato la Firmo-Sibari piuttosto che parlarne per sentito dire), potrebbero essere addirittura di più con il raddoppio (dove possibile) oppure con gallerie piuttosto che con il progetto attuale.
    Fare dei piloni di 65/70m di altezza porta solo ricchezza a chi vive sul cemento, mentre lo scempio rimane per sempre, provate a pensare nella piana di sibari una muraglia di 8m mentre per il resto un canalone con fronte di 70/80m e profondo in alcuni tratti anche 17/18m (immaginate un palazzo di 5/6 piani).
    Senza contare che con i risparmi del raddoppio (sempre dati alla mano e non per sentito dire) circa 400Ml di € si potrebbe migliorare la viabilità da Rossano in avanti dove non esiste neanche la 106 bis riuscendo così a coniugare sicurezza lavoro e sostenibilità ambientale, i sindaci dovrebbero davvero rendere pubblico il progetto con rendering aggiornati in modo da mostrare il progetto attuale in tutte le sue dimensioni.
    Provate a chiedervi a chi giova davvero il progetto attuale rispetto al raddoppio.

    Rispondi
  5. GIUSEPPE PAGANO 2017/09/14 at 12:18

    Sono convinto che il Sig. Favorevole a questa ennesima opera mostruosa non conosce affatto il progetto e nè tantomeno conosce il territorio perchè evidentemente non del posto.Continua a sparare cazzate.Il tratto in trincea che dovrebbe interessare il comune di Amendolara provocherebbe un danno ambientale inestimabile per il territorio del posto.Venga il Sig. Favorevole a rendersi conto di persona ad Amendolara cosa potrebbe accadere se ciò accadesse.Il Sindaco di Amendolara difende giustamente il suo territorio e i suoi cittadini da un vero e proprio scempio ambientale.

    Rispondi
  6. Francesco Franco 2017/09/14 at 14:47

    Scusate, ma gli altri sindaci??
    Nel caso venisse approvato il progetto definitivo nella versione di Maggio 2017 il Comune di Albidona si troverebbe avere trincee alte 12/14 metri e rilevato di 5 metri, nel Comune di Villapiana il rilevato sarà ancora più alto.

    Rispondi
  7. Isabella 2017/09/14 at 14:51

    Altri sindaci ?
    …poverini, sicuramente avranno altro a cui pensare o tutelare 🙂

    Rispondi
  8. Giuseppe Ricucci 2017/09/14 at 15:03

    Il Sindaco di Amendolara difende l’interesse di pochi, quelli dei ricchi. ,
    Ma possibile mai che gente incompetente, improvvisatasi tecnici esperti di percorsi stradali parlano ancora di raddoppio dell’attuale S.S. 106, che comporterebbe un risparmio di soldi pubblici (400 milioni, ma chi li ha calcolati)? Ma vi pare possibile che se questo raddoppio fosse stato veramente realizzabile gli organismi competenti (ANAS, Ministero dei Lavori Pubblici, Ministero dell’Ambiente, Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, CIPE, Corte dei Conti, Consiglio di Stato, ecc.), non lo avrebbero preso in considerazione? Forse coloro che si oppongono all’opera non hanno capito che o si da corso al progetto approvato in via definitiva oppure non si farà niente lasciando l’Alto Ionio nell’attuale situazione di sotto sviluppo. Ma allora si facesse solo il tratto che riguarda il Comune di Roseto Capo Spulico fino alla contrada Cannosa di Amendolara, lasciando Amendolara, il suo Sindaco e purtroppo anche i suoi cittadini nelle condizioni attuali. C’è da sperare che gli stessi cittadini di Amendolara si ribellino!

    Rispondi
  9. Isabella 2017/09/14 at 15:47

    Carissimo Giuseppe,
    sono un tecnico e ti assicuro che il raddoppio in alcuni tratti non solo è possibile ma anche più economico;
    Così come progettata tu sai quanto costa( €/metro) la nuova strada? Nel II tratto circa 50.000,00 €/mt che è un costo molto più alto dei costi standard pubblicati dall’Osservatorio dei Lavori Pubblici.
    Inoltre visto che, da come scrivi fai molta confusione tra ANAS, Ministero dei Lavori Pubblici, Consiglio di Stato, ecc ti consiglio di documentarti sia sulla funzione di questi enti che hai citato e soprattutto su i PARERI CHE QUESTI ENTI hanno fornito.
    Forse poi potrai parlare con cognizione di causa.
    Non temo nessun confronto in merito, dispongo tutta la documentazione necessaria dimostrare quanto sostengo.
    Quando ho scritto degli altri sindaci volevo solo dire che i sindaci hanno il dovere di informare la popolazione dei contenuti dell’opera,
    in modo che sempre la popolazione possa farsi un’idea dell’opera ed esprimere un parere non sull’opere ma sull’operato dei propri sindaci.
    Saluti

    Rispondi
  10. GIUSEPPE PAGANO 2017/09/14 at 16:03

    Il raddoppio non è possibile perchè enormi interessi muovono dietro tutte le grandi opere.Solo l’esperto Ricucci non riesce a vedere perchè accecato verosimilmente da chissà quale cosa.Oggi con la tecnica e la scienza a disposizione si può arrivare dove vogliamo.Solo per il sig.Ricucci,la gente è incompetente,i tecnici improvvisati e per ultimo (si dimentica di essere in Italia) con ANAS,MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, CONSIGLIO SUPERIORE DEI LAVORI PUBBLICI CIPE ,ECC. FIORI ALL’OCCHIELLO DI QUESTO PAESE.PER ULTIMO, COME IL SUO SOLITO, IL SINDACO DI AMENDOLARA difende l’interesse di pochi,quelli dei ricchi.Domanda:quali sarebbero questi cosiddetti ricchi ad Amendolara?Nomi e cognomi Sig.Ricucci,altrimenti Stia zitto e abbia rispetto degli altri e per primo del Sindaco del mio Paese.!

    Rispondi
  11. Francesco 2017/09/14 at 17:34

    Il risparmio è stato calcolato da un Professore ordinario titolare della cattedra di ingegneria dei sistemi di trasporti con all’attivo oltre 50 pubblicazioni nel settore, mi piacerebbe sapere invece il curriculum vitee di chi critica i dati.
    Riguardo i pareri si dovrebbero almeno leggerli tutti prima di fare affermazioni davvero improvvisate, giusto per promemoria ricordo che sia il Min. Ambiente che il Min. dei Beni Culturali hanno dato parere favorevole all’opera SOLO se realizzata con le prescrizioni da questi indicati e tutte le prescrizioni sono rivolte alla salvaguardia del territorio.

    Rispondi
  12. Cristina 2017/09/14 at 20:52

    Buonasera Sig. Ricucci,
    mi chiamo Cristina, sono umbra e vivo a Monza. Per motivi personali ho l’immensa fortuna di poter trascorrere periodi durante l’anno in quella meravigliosa parte di terrazzi marini che si trova a Torre di Albidona. Non sono una ricca possidente. Ho avuto modo, però, di studiare il progetto della strada in questione e di poterlo confrontare con una strada, la variante alla SS77, tratto Foligno-Muccia, che tanto somiglia alla nuova 106. Lo sa che quella strada fra Umbria e Marche, lunga 35km, ha complessivamente 21 km di tratti in galleria, la maggior parte dei quali in galleria naturale? Come lei saprà, la galleria naturale è molto molto costosa, eppure la Foligno-Muccia è stata realizzata con 1 miliardo e 100 milioni di euro. La nuova 106, che complessivamente sarà lunga 38 km, avrà tratti in galleria molto ma molto più ridotti, la maggior parte dei quali in galleria artificiale, meno profonda e quindi meno costosa di quella naturale. La nuova 106 costerà complessivamente 1 miliardo e 200 milioni abbondanti…a lei non sembra ci sia qualcosa che non va?
    Lei si chiede se secondo noi il Ministero dell’Ambiente non abbia valutato il progetto.
    Se avesse letto qualcosa in merito, saprebbe che il Ministero dell’Ambiente si era pronunciato su una variante di progetto del 2014, ben più conservativa dell’attuale, chiedendo però che venissero accolte ulteriori prescrizioni, al fine della tutela dei vincoli ambientali. Cosa che viene puntualmente disattesa in quest’ultima versione del progetto che, invece che recepire quanto stabilito dal Ministero dell’Ambiente ed il Ministero dei Beni Culturali, recepisce quanto stabilito dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici…a completo discapito dell’ambiente e devastando di fatto un territorio.
    Ognuno di noi ha la libertà di pensare liberamente su una questione, la cosa che le contesto, però, è di argomentare con la forza della conoscenza del progetto…cosa che lei evidentemente non dimostra.
    Cordialità
    Cristina

    Rispondi
  13. Giuseppe Ricucci 2017/09/17 at 01:10

    Non c’è nulla da dimostrare. Il progetto attuale ha avuto il parere di tutti tutti gli enti interessati, altrimenti non sarebbe diventato progetto definitivo. Ho l’impressione è che i “terrazzi marini” di cui si parla – scoperti improvvisamente! – siano solo un pretesto per tentare di bloccare l’opera per difendere gli interessi di proprietari terrieri che non vogliono subire gli espropri. Qualcuno a suo tempo ha raccolto circa 700 firme di cittadini di Ferrara – cosa c’entra Ferrara con Amendolara – per bloccare l’opera. Questo dice tutto !

    Rispondi
  14. GIUSEPPE PAGANO 2017/09/17 at 05:51

    Non esistono argomentazioni e motivazioni valide in Chi è ostinato in un atteggiamento o comportamento per scarsa elasticità mentale e sfiducia preconcetta nei confronti degli altri.

    Rispondi
  15. Giuseppe Ricucci 2017/09/17 at 13:50

    Non c’è peggior sordo di chi non vuol capire! Speriamo che i cittadini di Amendolara capiscano effettivamente il problema che si sta giocando sulla loro pelle e non seguano il loro Sindaco !

    Rispondi
  16. GIUSEPPE PAGANO 2017/09/17 at 14:21

    Il sordo può almeno vedere e rendersi conto della realtà.ALTRI ,QUELLI COME TE,NON POSSONO NULLA E CONTINUANO A DERAGLIARE.

    Rispondi
  17. Giuseppe Ricucci 2017/09/17 at 19:32

    Dopo la fallimentare riunione indetta dal Sindaco di Amendolara, siamo alla farsa! Ma c’è chi, come lei, non se ne rende conto!

    Rispondi
  18. Giuseppe Pagano 2017/09/18 at 06:19

    Ha fatto la scoperta dell’acqua calda. Fa ridere i polli. Qualcuno direbbe:mi faccia il piacere.

    Rispondi
  19. Giuseppe Ricucci 2017/09/18 at 13:51

    Non si arrende con frasi che non hanno alcun significato e sono buttate lì per mero sfogo nervoso e con la sola soddisfazione di avere l’ultima parola. Questo desiderio ancestrale glielo concedo volentieri in quanto non risponderò più ai suoi commenti se non sulla base di dati di fatto.

    Rispondi
  20. giuseppe pagano 2017/09/18 at 22:20

    lei non ha rispetto della gente.Farebbe bene a tacere.Sa solo offendere e sparare cazzate a ripetizione.Non conosce affatto il mio paese e la mia gente.Pensi al suo paese ,se un paese ce là.Ne dubito.Le persone come lei non li vuole nessuno.Della sua onnipotenza ci faccia quello che vuole.Noi cittadini umili siamo su un altro pianeta lontano anni luce da individui inutili e insignificanti.

    Rispondi
  21. Giuseppe Ricucci 2017/09/18 at 22:40

    Mantengo la mia promessa!

    Rispondi
  22. Giuseppe Pagano 2017/09/19 at 09:06

    Idati di fatto,così impropriamente chiamati dal sig Ricucci,portati alla discussione da Francesco,Francesca,Cristina,Isabella,non ha prodotto alcuna riflessione da parte dello stesso ,eventualmente non interessato ad un confronto serio e costruttivo sull’argomento.Il significato di una frase o l’analisi di un’argomentazione necessitano della dovuta volontà dell’individuo nonchè di tutte le informazioni possibili per affrontare il problema.Chi è abituato a guardare in una solo direzione non può ESSERE IMPARZIALE e farebbe bene a documentarsi prima di dire sempre e solo cazzate.Non ho bisogno di avere l’ultima parola .Dico quello che penso perchè sono un uomo libero e parlerò fin quando potrò.Per lei,sig Ricucci,e per altri come lei, sia ben chiaro.

    Rispondi
  23. Giuseppe Ricucci 2017/09/19 at 12:44

    Continuo a mantenere la mia promessa di non rispondere ai suoi insulti.

    Rispondi
  24. GIUSEPPE PAGANO 2017/09/20 at 09:04

    Non sono abituato a insultare la gente.Si documenti Lei prima di parlare e abbia rispetto in primis del Sindaco di Amendolara che ovviamente non conosce affatto.I problemi di Amendolara ,che lei ignora volutamente,siamo abituati a risolverli Noi Amendolaresi in maniera civile e urbana.Gli Amendolaresi non hanno bisogno dei sui consigli perchè persone intelligenti.Mantenga pure la sua promessa e si costruisca tutte le strade che vuole perchè noi ad Amendolara non nè abbiamo bisogno.

    Rispondi
  25. Giuseppe Ricucci 2017/09/20 at 14:58

    Continuo a mantenere la mia promessa di non rispondere ai suoi commenti (va bene così?).

    Rispondi
  26. GIUSEPPE PAGANO 2017/09/22 at 06:10

    Certo che va bene così.La democrazia c’è lo permette. Solo qualcuno non riesce a capire,purtroppo.Amendolara e i suoi abitanti sanno sempre cosa fare.Solo il signor Ricucci,che non conosce affatto il territorio continua a parlareeeeeeeeeeeeeeeeee.

    Rispondi
  27. Giuseppe Ricucci 2017/09/22 at 16:20

    Sono sempre di parola, ma non ho parole …. e spero che finisca qui!

    Rispondi
  28. GIUSEPPE PAGANO 2017/09/22 at 17:36

    La nuova 106 arrecherà ad Amendolara un vero disastro.Il territorio incontaminato di Amendolara subirà enormi danni.Noi amendolaresi dobbiamo batterci perchè ciò non avvenga.A coloro i quali sono favorevoli al nuovo progetto non la daremo vinta.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *