Redazione Paese24.it

La grande famiglia dei Vigili del Fuoco si ritrova a Rossano

La grande famiglia dei Vigili del Fuoco si ritrova a Rossano
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Si è tenuto domenica a Rossano il secondo raduno regionale dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco (Sezione di Cosenza),  con la presenza anche della Banda Musicale del Corpo dei Vigili del Fuoco. In mattinata, dopo il raduno nel piazzale Traforo in Rossano centro, i numerosi partecipanti, provenienti dalle cinque province calabresi (Cosenza, Crotone, Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria), hanno sfilato, in corteo, per le vie principali del centro storico bizantino con tappa nella centralissima Piazza Steri dove si è dato vita al concerto della Banda Musicale del Corpo dei Vigili del Fuoco. Un concerto, diretto dal Maestro Donato Di Martile, apprezzato, con lunghi applausi, da quanti hanno preso parte all’evento. In seguito, poi, è stata celebrata la Santa Messa, in Cattedrale, presieduta da S.E. Mons. Giuseppe Satriano (Arcivescovo della Diocesi di Rossano-Cariati). Diverse le autorità presenti: il sindaco di Rossano, il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, il Comandante della Capitaneria di Porto di Corigliano, il Presidente regionale dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco, ma anche il Maresciallo Palazzo ed il Vice-Brigadiere, Crescente, della Stazione Carabinieri di Rossano centro.

Presenti, inoltre, i volontari della Croce Rossa Italiana (Comitato Locale di Rossano) e diverse Associazioni fra cui quella della Polizia di Stato e dei Carabinieri (di Rossano e Roseto Capo Spulico). I numerosi partecipanti al raduno, subito dopo la Santa Messa, hanno visitato il Museo Diocesano e del Codex. Soddisfatto, in modo particolare, il presidente provinciale dell’Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco (Sezione di Cosenza), Vincenzo Malvasi, per la buona riuscita dell’appuntamento che ha visto l’adesione di numerosi Vigili del Fuoco (di cui molti ancora in servizo ed altri in pensione), insieme ai loro familiari, provenienti dalle cinque province calabresi.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *