Redazione Paese24.it

Oriolo, “Calabria Jones”. Studenti tra archeologia e natura. Cinque giorni in trasferta nel catanzarese

Oriolo, “Calabria Jones”. Studenti tra archeologia e natura. Cinque giorni in trasferta nel catanzarese
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Ponte di legno sul fiume SimeriL’Istituto Omnicomprensivo di Oriolo non va in vacanza. Ma accompagna i suoi studenti anche nel corso dell’estate. La scuola del comune jonico infatti è stata destinataria di un importante finanziamento dalla Regione per il progetto “Calabria Jones” (Por Fse Calabria 2007/13). Il percorso di didattica integrativa che riguarda i ragazzi della scuola Secondaria di Primo Grado prevede la realizzazione di un itinerario archeologico in Calabria valorizzando quei siti di rilevanza storica e al contempo permettendo agli allievi un’esperienza sul campo. Le attività si svolgeranno da oggi (lunedì) sino a venerdì 20 luglio. Sono stati individuati dalla Regione dieci itinerari archeologici e l’istituto guidato dal dirigente scolastico Vincenzo Gerundino (che aggiunge così, ormai a poche settimane dalla pensione, un ulteriore tassello al mosaico della progettualità sul territorio che lo ha visto tra i capi d’istituto più attivi) ha optato per il “Tiriolo”, nel catanzarese. Da Oriolo è dunque partito un pullman alla volta della zona prescelta con 46 ragazzi e gli accompagnatori: il project manager (esperto di progettazione) Vincenzo Santagada e quattro tutor. Cinque giornate intense a contatto con la storia e con le bellezze artistiche che grazie a progetti come questi riscoprono tutto il loro valore. Gli studenti della scuola Secondaria di Primo grado di Oriolo visiteranno il Museo di Tiriolo e l’Antiquarium di Simeri Crichi, il Museo Provinciale e il Parco della Biodiversità Mediterranea di Catanzaro, un’area verde che si estende proprio nel cuore della città. Il secondo giorno, invece, spazio alla visita delle aree archeologiche di Roccelletta di Borgia e il centro storico di Squillace. Il terzo giorno, virata sulla costa tirrenica con tappe a Nocera Torinese, Falerna e Lamezia Terme. Giovedì sarà la volta dell’escursione nel parco della Sila, a Carlopoli. Prevista anche la visita alla Riserva naturale Poverella – Villaggio Mancuso, sempre nel catanzarese. I ragazzi, con i loro accompagnatori, potranno immergersi in un’area tra gli 800 e i 1200 metri d’altezza con querce, castagni e ontani. Una vera oasi naturale dove poter ammirare enormi ricchezze per quanto rigurada sia la flora che la fauna: come il lupo, il capriolo, lo scoiattolo, il picchio nero o la poiana.

La comitiva di Oriolo alloggerà presso il villaggio turistico “Riviera del sole” di Cropani (Cz), per poi spostarsi di volta in volta verso le mete programmate. “Calabria Jones”, un nome che richiama le avventure del noto Indiana, eroe cinematografico interpretato dal grande Harrison Ford. Dai banchi di scuola alla natura, dunque, per un progetto che permetterà ai giovani studenti di approfondire e di scoprire tanti aspetti naturalistici e di apprezzare la bellezza di questi luoghi, rivalutando così il valore intrinseco della Regione Calabria, una terra troppo spesso associata solo al malaffare, ma che nasconde innumerevoli ricchezze artistiche e paesaggistiche. Il finanziamento ottenuto, di 28.200 euro, comprende interamente le spese per i partecipanti (oltre ovviamente al compenso previsto per le figure professionali coinvolte), permettendo così ai ragazzi di poter partecipare ad un’importante percorso didattico-naturalistico senza gravare sul bilancio economico familiare.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *