Redazione Paese24.it

Pollino, una nuova strada di montagna sull’antico tracciato Morano-Saracena

Pollino, una nuova strada di montagna sull’antico tracciato Morano-Saracena
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Un nuovo percorso renderà fruibili le aree più suggestive del Parco del Pollino. Si tratta della strada montana Rosole/Masistro, lungo un antico tracciato, immerso tra le faggete ad alto fusto, che connette la rete viaria rurale di contrada Campotenese, in territorio di Morano, ai piani di Masistro, a Saracena. Ad inaugurarlo, il presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, e i sindaci di Morano, Nicolò De Bartolo, e di Saracena, Renzo Russo. Il percorso, dotato di un fondo comodo e sicuro che favorisce l’approdo veloce ai siti più suggestivi dell’area protetta, si estende per circa 3 km e colma gradualmente il dislivello altimetrico sino a toccare i 1200 mt di località Masistro, da dove, si raggiungono facilmente Piani di Novacco.

L’opera è stata interamente finanziata dall’Ente Parco (l’investimento, omnicomprensivo, è pari a 330.000 euro) e si candida a divenire snodo privilegiato per quei visitatori che dall’autostrada del Mediterraneo (A2), attraversando gran parte dell’altopiano di Campotenese, intendano spostarsi in pochi minuti sui monti dell’Orsomarso.

«Lo sforzo che abbiamo compiuto e le risorse messe in campo – ha affermato il presidente del Parco, Domenico Pappaterra – hanno lo scopo primario di favorire un accesso agevole ai grandi altipiani del costone tirrenico del Parco».

«Si tratta di un’opera attesa da anni – ha dichiarato il sindaco di Saracena, Renzo Russo. Finalmente colleghiamo all’autostrada le nostre bellezze naturalistiche, in specie Masistro e Novacco, e le rendiamo fruibili». Soddisfatto anche il primo cittadino di Morano, Nicolò De Bartolo. «E’ un risultato molto importante che influirà positivamente sullo sviluppo dei territori e sull’ambiente».

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *