Redazione Paese24.it

Trebisacce. Un nuovo segretario per il Partito Democratico

Trebisacce. Un nuovo segretario per il Partito Democratico
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Giampiero Regino, già assessore al Commercio dell’esecutivo precedente, è il nuovo segretario del Partito Democratico di Trebisacce e succede a Pierfrancesco De Marco che ha deciso di non ricandidarsi per favorire il ricambio e per offrire ad altri la possibilità di dare il proprio contributo. Certamente non esaltante la partecipazione al voto, la qual cosa, secondo il sentire comune, testimonia il momento di diffusa incertezza del Partito di Renzi in ambito nazionale, causata soprattutto dalle divisioni e dalle lacerazioni interne.  Il nuovo segretario cittadino è stato eletto nel corso dell’assemblea degli iscritti convocata dal segretario uscente nella sala dell’ex Pretura alla quale hanno preso parte 77 iscritti che hanno votato per eleggere il segretario cittadino ed il segretario provinciale.

Questo l’esito ufficiale delle votazioni, comunicato dal presidente del seggio Franco Gatto: sul totale dei 120 aventi-diritto, hanno partecipato al voto 77 iscritti, di cui 74 hanno votato a favore di Giampiero Regino (nella foto a destra con De Marco), 3 le schede bianche. Per il segretario provinciale hanno votato a favore del candidato Luigi Guglielmelli 76 iscritti. Una scheda nulla. Nel benedire l’elezione del nuovo segretario cittadino, il sindaco di Trebisacce Franco Mundo ha voluto ringraziare pubblicamente il segretario uscente Piero De Marco: «Grazie all’Avvpcato De Marco – ha scritto Mundo – per l’importante lavoro svolto. Con lui abbiamo vinto le elezioni rimarcando l’appartenenza politica ad un grande partito, consapevoli di esprimere valori ideali e forte tensione morale. Abbiamo voluto interpretare la buona politica di cui ha concluso il primo cittadino – tutti abbiamo bisogno. In bocca al lupo al nuovo segretario Giampiero Regino. Sono sicuro che tutti uniti faremo ancora cose buone».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *