Redazione Paese24.it

La biodiversità in un video di cento secondi. Studenti premiati in Sila

La biodiversità in un video di cento secondi. Studenti premiati in Sila
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Vivere la natura con attenzione e rispetto. È il tema centrale dell’evento organizzato oggi (27 ottobre) dai Carabinieri Forestali e dal Touring Club Italiano insieme a circa 400 studenti presso la Riserva Naturale del Cupone a Spezzano Sila, in provincia di Cosenza. L’obiettivo è sensibilizzare il mondo giovanile, tra i 6 e i 18 anni, sulle tematiche della salvaguardia ambientale e paesaggistica. I ragazzi sono stati invitati a produrre un video di 100 secondi, con l’ausilio di un telefonino, per rappresentare la loro idea di “biodiversità”. I video sono stati proiettati e premiati, nel corso dell’evento, con un soggiorno presso i Reparti Carabinieri Biodiversità di Martina Franca (TA) e Cosenza.

Al primo posto, la classe 2 sezione C dell’Istituto Comprensivo “Fratelli Bandiera” di San Giovanni in Fiore; secondo classificato il video realizzato dalla classe mista dell’Istituto Omnicomprensivo di Longobucco; sul terzo gradino del podio il video realizzato dalla classe 2 sezione H dell’Istituto Comprensivo “Gioacchino da Fiore” di San Giovanni in Fiore.

La giornata è la conclusione di un progetto “I paesaggi della legalità”, promosso dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversità e dal Touring Club Italiano, nell’ambito delle attività previste dal protocollo d’intesa tra l’Arma dei Carabinieri e il TCI, che mira al coinvolgimento delle scuole nella conoscenza e nella visita delle Riserve naturali statali e delle aree protette. Gli studenti sono stati accompagnati nei vari percorsi di educazione ambientale e nella visita della Riserva Naturale del Cupone. Tra questi, uno spazio dedicato alla conoscenza della fauna selvatica, la “cucina del bosco”, un percorso per conoscere le erbe spontanee e il loro uso nell’alimentazione umana e della fauna, una serie di attività legate alle energie rinnovabili e alla conoscenza della vegetazione appenninica, un vero e proprio laboratorio sensoriale finalizzato al riconoscimento degli ecosistemi della Sila attraverso i cinque sensi.

Il progetto ha visto coinvolte le Amministrazioni comunali di Bocchigliero (CS) Casali del Manco (CS) – Casole Bruzio e Pedace, Longobucco (CS) San Giovanni in Fiore (CS) e Spezzano della Sila (CS) e gli Istituti scolastici  I.C. “Gioacchino da Fiore” – San Giovanni in Fiore (CS); I.C. “Dante Alighieri” – San Giovanni in Fiore (CS); I.C. “Fratelli Bandiera” – San Giovanni in Fiore (CS); Liceo Scientifico – San Giovanni in Fiore (CS); I.S. “Leonardo da Vinci” – San Giovanni in Fiore (CS); I.C. “Bernardino Telesio” – Camigliatello Silano (CS); I.C. “Rita Pisano” – Casali del Manco (CS) e I.O. Longobucco – Longobucco e Bocchigliero (CS).

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *