Redazione Paese24.it

Trebisacce, dopo il furto sacrilego la chiesa riapre al culto

Trebisacce, dopo il furto sacrilego la chiesa riapre al culto
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Profanazione della Chiesa e furto di ostie consacrate: si è trattato solo di balordi che cercavano denaro, o di un furto di ostie consacrate da utilizzare in riti satanici, camuffato con l’accaparramento dei pochi spiccioli delle offerte con l’obiettivo di depistare gli inquirenti? A una settimana circa dall’inquietante furto sacrilego perpetrato di notte nella Chiesa “San Vincenzo Ferrer” di Trebisacce non si riesce a sciogliere questo nodo, anche perché gli indizi e le dinamiche con cui è stata effettuata l’irruzione e la profanazione della Chiesa lasciano in campo entrambe le ipotesi. Anche perché, da quanto è dato sapere, anche in Calabria, e in particolare nella provincia di Cosenza, esisterebbero sette sataniche e individui incappucciati dediti a riti occultisti, propiziatori e blasfemi, che utilizzano ostie consacrate anche in spregio alla religione cattolica. E non è detto che la cittadina jonica ne sia sicuramente esente. E’ anche per questo che su quanto è accaduto nella parrocchia di San Vincenzo Ferrer, la Chiesa, nel rispetto dell’operato delle Forze dell’Ordine, mantiene un profilo basso e la necessaria riservatezza.

Da parte sua Il Vescovo della Diocesi don Francesco Savino ha rivolto l’appello ai responsabili del mostruoso gesto a ravvedersi ed a riconsegnare le Ostie Consacrate, invitando al contempo tutte le parrocchie della Diocesi alla preghiera e all’adorazione e, trascorsi ormai infruttuosamente sei giorni da venerdì 10 novembre, ha deciso di con-celebrare nel Sacro Edificio l rito dell’Eucarestia in riparazione del gesto blasfemo e di riconsegnare la Chiesa ai suoi fedeli. La Santa Messa è stata presieduta oggi (giovedì) da S.E. il Vescovo Savino e dai parroci di Trebisacce. «Celebriamo tutti insieme – ha detto il presule durante l’omelia – il rito dell’Eucarestia per riportare il S.S. Sacramento nel tabernacolo e restituirlo a questa comunità, ma non possiamo essere contenti perché è stato sequestrato il Corpo di Cristo. Celebriamo tutti insieme il rito della “riparazione” ma non possiamo essere contenti perché a subire violenza è stato il Corpo di Cristo e siamo ancora qui, oggi, a chiederci con angoscia dove sono quelle Ostie Consacrate».

Pino La Rocca  

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *