Redazione Paese24.it

Calabria in tavola. Per Natale ecco il panettone alla mandorla di Amendolara

Calabria in tavola. Per Natale ecco il panettone alla mandorla di Amendolara
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Durante lo svolgimento della Tenzone del Panettone, a Parma, è stata presentata la nuova linea di prodotti PEPPER-ONE ®, ovvero dei primi lievitati artigianali al mondo con canditi di peperoncino. Il progetto imprenditoriale nato dalla collaborazione del Gastronomo Giuseppe Salvatore Paladino e del Pastry Chef Antonio Montalto, originari di Amendolara, continua con il lancio della nuova campagna natalizia che prevede due novità. Assieme all’ormai noto “Pepper-One N°1 – La Focaccia”, la linea si arricchirà del “Pepper-One N°3 – Calipso” e  del “Pepper-One N°5 – Autentico”.

Per il n°1, contrassegnato dalla fascetta rossa, continua la collaborazione con il Maestro Pasticciere Claudio Gatti, che nella sua “Pasticceria Tabiano” di Tabiano Terme (PR) firma la “Focaccia” marchiata Pepper-One® che lo scorso anno ha riscosso un grandissimo successo sia nel periodo di Natale che in quello di Pasqua, mettendo assieme Jalapeño canditi, gocce di cioccolato fondente e la classica bagna all’arancia di Sicilia.

Il n°3, Calipso, è un panettone glassato con Mandorla di Amendolara (luogo legato al leggendario naufragio di Ulisse), fico dottato calabrese dell’azienda Colavolpe, storico marchio di altissimo pregio, e polvere di peperoncino varietà Paladino®. Antonio e Giuseppe hanno voluto rendere omaggio alla loro terra natia con questa ricetta che utilizza altri due grandi prodotti identitari della Calabria, il fico e la mandorla. Grazie agli ottimi fichi forniti dallo storico marchio di Belvedere Marittimo e alle mandorle della Masseria Stamato di Amendolara, i due amici sono riusciti a creare un prodotto che sa regalare a chiunque lo assaggi un inconfondibile sapore di Calabria. Il n°5, Autentico, realizzato per rispondere alle esigenze dei palati più affezionati ai gusti ricchi e corposi, è un panettone classico con canditi di Tondo Calabrese e pepite di cioccolato fondente.

Un 2017 «ricco di novità interessanti», ha svelato Paladino. «L’idea di abbinare in modo corretto ed estroso cibo e peperoncino deriva dalla mia passione per la gastronomia e la cultura della mia regione, la Calabria. Antonio Montalto, amico e collega da ormai vent’anni, ha sviluppato una particolare tecnica di canditura che viene realizzata manualmente in ogni sua fase e, insieme a lui, nel 2015 ho dato vita a Pepper-One». L’obiettivo è regalare un momento speciale adatto a tutti e, grazie al lavoro di ricerca dell’equilibrio gustativo perfetto, i prodotti Pepper-One piacciono sia agli amanti del piccante che a chi, solitamente, non lo preferisce ma in questa insolita combinazione l’ha trovato davvero molto piacevole. I panettoni Pepper-One possono essere spediti in tutta Italia (ma anche in Europa) per arrivare sulle tavole natalizie in un elegante confezione. Il prodotto ideale per stupire i propri ospiti.

«In cucina, quando si sviluppa una nuova ricetta, si prepara un piatto per qualcuno, va tenuto conto delle preferenze dei commensali. Se scelto accuratamente tra le tantissime varietà coltivate e usato nelle giuste dosi, il peperoncino può esaltare enormemente le caratteristiche aromatiche delle altre materie prime che compongono il piatto, senza coprirne i sapori. È così che voglio emozionare chi assaggia le nostre creazioni». Paladino inoltre,  racconta in esclusiva a Paese24, che proprio da questa sua filosofia sta prendendo vita un nuovo progetto editoriale al quale collaboreranno colleghi di alto livello, conosciuti in tutta Italia.

Info e prenotazioni via whatsapp al numero 340 3747307

Share Button

4 Responses to Calabria in tavola. Per Natale ecco il panettone alla mandorla di Amendolara

  1. Bruna pasquino 2017/11/20 at 21:06

    mi piace l’idea, la trovo originale spero di assaggiarli tutti

    Rispondi
  2. Antonio 2017/11/21 at 13:17

    Sono molto contento di questa novità Spero vivamente di poterlo assaggiare visto che sono di Amendolara..

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *