Redazione Paese24.it

Corigliano, ruba carte di credito e preleva al bancomat. Incastrato dalle telecamere

Corigliano, ruba carte di credito e preleva al bancomat. Incastrato dalle telecamere
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Rubava carte di credito per poi prelevare denaro contante. In mattinata i Carabinieri della Stazione di Corigliano Calabro hanno arrestato F.D.M., 27 enne del posto, in esecuzione di un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in regime degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Castrovillari – Ufficio Gip, per ricettazione ed uso di carte di credito oggetto di furto con cui l’arrestato aveva compiuto diversi prelievi di denaro contante.

Le indagini sono state avviate all’indomani della denuncia di furto presentata da un cittadino per la sottrazione di alcune carte di credito dalla sua autovettura. Dagli accertamenti bancari risultava che queste erano state utilizzate per compiere dei prelievi di denaro contante presso lo sportello bancomat di un’agenzia sita nella frazione di Schiavonea. La visione delle immagini delle telecamere di videosorveglianza dell’istituto di credito ha permesso di risalire all’identità dell’uomo che aveva compiuto i prelievi con le carte di credito rubate. Si tratta di un pluripregiudicato di Corigliano Calabro, gravato da diversi precedenti per reati contro il patrimonio e destinatario di misure di prevenzione personale, il quale, credendo di non essere ripreso, aveva prelevato indisturbato diverse centinaia di euro sul conto corrente della vittima. L’odierno arrestato non è nuovo a questo tipo di reati, tant’è che si trova attualmente sottoposto ad altra misura cautelare per lo stesso motivo e già in passato aveva compiuto furti di carte di credito e bancomat.

Su richiesta della Procura della Repubblica di Castrovillari, il Gip del Tribunale Ordinario ha disposto un’immediata custodia cautelare in regime degli arresti domiciliari per impedire la reiterazione di analoghe condotte da parte dell’uomo.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *