Redazione Paese24.it

Rossano, chiusura Tribunale. Protesta lavoratori uffici giudiziari

Rossano, chiusura Tribunale. Protesta lavoratori uffici giudiziari
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

“Adesso chiudeteci tutto e tutti.” Questo lo slogan dei  lavoratori degli uffici giudiziari del Tribunale di Rossano che, ieri mattina (mercoledì), hanno messo in atto una manifestazione di protesta, con presidio dinanzi al Palazzo di Giustizia nel centro storico bizantino, con l’interruzione dei servizi. Molti di loro, poi, hanno partecipato stamattina (giovedì) alla manifestazione nazionale a Roma contro la chiusura di diversi collegi giudicanti presenti su tutto il territorio nazionale e, in particolare, nella Regione Calabria. In lista, infatti, vi sono i tribunali di Castrovillari, Lamezia Terme, Paola e Rossano. Una scelta, quella del Governo centrale, non condivisa dai lavoratori e dagli avvocati, oltre dai politici e dai cittadini del territorio, in cui si rischia di non garantire la sicurezza e la legalità in una Regione dove si registrano, purtroppo, dati allarmanti per quanto riguarda la criminalità organizzata. L’iniziativa, promossa dalla CIGL territoriale, è stata capeggiata dal sindacalista Antonio Schiavelli, il quale ha manifestato il suo totale dissenso per quanto riguarda la soppressione del presidio di giustizia rossanese. La protesta, come detto, si sposterà, domani mattina, nel capoluogo romano per dire NO alla soppressione dei Palazzi di Giustizia calabresi. Tutti, infine, si augurano che vi sia, ovviamente, un ripensamento da parte del Governo centrale, valutando attentamente i dati presentati al Ministero di Grazia e Giustizia, affinché possa essere scongiurata la chiusura dei quattro tribunali operanti, da diversi anni, in una terra difficile quale la Calabria.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *