Redazione Paese24.it

Rossano. I Giovani Verdi in coro: «No alla riconversione a carbone della centrale Enel»

Rossano. I Giovani Verdi in coro: «No alla riconversione a carbone della centrale Enel»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

No a forme anacronistiche e insostenibili di riconversione della centrale Enel di Rossano. Il monito è stato lanciato dai Giovani Verdi dell’area della Sibaritide, alla luce del parere favorevole, dato dal ministero dell’ambiente, nei confronti del progetto della centrale termoelettrica a carbone di Saline Joniche, che, a detta del movimento, ha risvegliato anche i comitati pro-carbone della zona della Sibaritide.

«Siamo sbalorditi – si legge in una nota diramata dai Giovani Verdi per gli ecologisti e le reti civiche – della presa di posizione di alcuni sindacati che, invece di tutelare la salute e i diritti dei lavoratori, si schierano dalla parte del gran capitale e degli speculatori che di certo non hanno a cuore il bene di Rossano e dell’intera sibaritide. Una posizione – prosegue il comunicato – tanto ideologica quanto scellerata, che ancora una volta vede comitati pro-carbone che si schierano della parte delle ormai obsolete e anti-economiche fonti di energia fossile e contro il loro territorio e la gente che lo vive. Una scelta che, all’indomani della Conferenza di Rio sullo sviluppo sostenibile, allontana sempre di più la nostra terra calabra dall’Europa e dagli stati più avanzati».

I Giovani Verdi hanno anche esposto delle soluzioni alternative. «Per l’intera regione Calabria proponiamo un piano di investimenti verdi che faccia delle energie rinnovabili, fotovoltaico e biomasse in primis, strumenti concreti di sviluppo e piena occupazione. Scienziati, imprenditori e istituzioni internazionali ormai da tempo hanno riconosciuto l’efficienza e l’efficacia di queste nuove tecnologie che, oltre a garantire il rispetto dell’ambiente, potrebbero facilmente assicurare il futuro di tante famiglie calabresi, così come avviene già in tanti paesi».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *