Redazione Paese24.it

Turismo venatorio. Dal nord in Calabria per cacciare specie protette

Turismo venatorio. Dal nord in Calabria per cacciare specie protette
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Una vera e propria organizzazione costituita da cittadini di Corigliano e Rossano che gestivano un giro di turismo venatorio è stata scoperta dai carabinieri Forestali che hanno denunciato 4 persone e sequestrato 3.125 uccelli di varie specie abbattuti, 28 fucili e circa 600 cartucce. Secondo la ricostruzione dei militari, una volta giunti sul posto, i cacciatori, provenienti in gran parte dalle provincie di Vicenza, Padova, Brescia e Bergamo, trovavano tutto organizzato nei minimi dettagli, dall’alloggio al vitto fino ai fucili e al munizionamento per effettuare la caccia a specie protette e non cacciabili, particolarmente apprezzate nella preparazione del tipico piatto conosciuto come “Polenta e osei”.

I cacciatori venivano accompagnati nelle battute da persone del luogo che poi si preoccupavano della conservazione degli esemplari abbattuti e della spedizione tramite autobus di linea diretti al nord in pacchi il cui contenuto era ignoto ai dipendenti delle società di autolinee.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *