Redazione Paese24.it

Il judo e “L’oro di Scampia”. Maddaloni incontra i detenuti di Castrovillari

Il judo e “L’oro di Scampia”. Maddaloni incontra i detenuti di Castrovillari
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Continuano gli appuntamenti nella Casa circondariale “Rosetta Sisca” di Castrovillari, nell’ambito delle iniziative sul tema “sport e legalità”, promosse dai Lions. Dopo l’incontro con il pugile Clemente Russo, giovedì 22 febbraio, alle ore 11, saranno il maestro di judo Giovanni Maddaloni e suo figlio Marco, pluricampione europeo di judo, ad incontrare i detenuti. Il giorno prima sarà proiettato il film di Marco Pontecorvo “L’oro di Scampia”. Il protocollo d’intesa, sottoscritto tra i Lions Club di Castrovillari e la Casa Circondariale, prevede, infatti, anche un ciclo di “Cineforum”, realizzato in collaborazione con l’associazione Cinepresi di Rende.

La trama del film è liberamente ispirata al libro La mia vita sportiva scritto da Gianni Maddaloni: si tratta della storia del campione olimpico di judo a Sydney 2000, Pino Maddaloni (nel film Toni Capuano, interpretato da Gianluca Di Gennaro) e di suo padre Giovanni (nel film Enzo, interpretato da Beppe Fiorello) che gestisce una struttura sportiva nel cuore di Scampia, allenando i ragazzi del quartiere. Enzo fa di tutto per poter salvare alcuni dei tanti ragazzi che finiscono in strada a delinquere.

All’incontro con i detenuti, oltre ad alcune cariche lionistiche, sarà presente anche l’avvocato Francesca Stancati, delegato Provinciale del Coni.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *