Redazione Paese24.it

Rossano in difesa del Tribunale. I due avvocati ciclisti accolti a Roma dal sindaco Alemanno

Rossano in difesa del Tribunale. I due avvocati ciclisti accolti a Roma dal sindaco Alemanno
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

I due temerari avvocati rossanesi, Mauro Mitidieri e Massimo Ruffo, sono arrivati, stamani, a Roma, dopo aver percorso ben 500 chilometri di strada in sella alle proprie bici, accolti dal sindaco Gianni Alemanno. Mitidieri e Ruffo, veri protagonisti di questa iniziativa simbolica in difesa del tribunale di Rossano, sono partiti dalla città bizantina nella prime del mattino di venerdì 20 luglio scorso e, dopo quattro tappe (Praia a Mare, Ponte Cagnano, Formia, Ostia) percorrendo strade provinciali e nazionali con una media di 100 chilometri al giorno, sono arrivati finalmente nella città capitolina per consegnare al ministro di Grazia e Giustizia, Paola Severino, il cortometraggio realizzato dai giovani avvocati dell’AIGA nel quale vi è illustrato un dettagliato reportage inerente ai diversi disagi che dovranno affrontare i giuristi dell’intero territorio per raggiungere il Palazzo di Giustizia di Cosenza. Nel filmato, dunque, si evidenzia lo stato disastroso delle strade da percorrere dai centri montani verso la città bruzia e la mancanza di mezzi pubblici per raggiungere la sede giuridica cosentina. I due coraggiosi ciclisti, tra l’altro, hanno consegnato al ministro Severino, nella tarda mattinata di oggi (martedì), il dossier sulla storia del tribunale di Rossano (1862-2012) e sull’importanza per tutto il compresorio jonico della Provincia di Cosenza ad alta idensità criminale. La loro “mission” è finalizzata nel ribadire, ancora una volta, la più totale disapprovazione nella chiusura dell’importante presidio rossanese. Nel pomeriggio, invece, l’incontro in Campidoglio con il sindaco Gianni Alemanno (nella foto) e, successivamente un confronto con le Commissioni di Camera e Senato.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *