Redazione Paese24.it

Raccontando Montegiordano. La vecchia Fornace e le notizie “piccanti” del Padula

Raccontando Montegiordano. La vecchia Fornace e le notizie “piccanti” del Padula
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Mentre imbocco la prima delle numerose curve che portano a Montegiordano paese un’anziana signora mi chiede il passaggio e con la consueta curiosità della nostra gente vuole subito sapere da dove vengo e chi sono. La signora mi dice: «mi chiamo Carmela e mio marito si chiamava Carmine; la nostra piccola masseria era vicino alla cappella del Carmine; pure i miei nipoti si chiamano Carmine». Infatti, il nome più diffuso a Montegiordano è Carmine, ma la signora ci tiene a spiegarlo: «nel nostro paese siamo stati sempre devoti della Madonna del Carmine, che si trova vicino al vecchio castello e si festeggia con grande afflusso di gente il 16 di luglio».

Aggiunge che la festa più importante è quella del patrono Sant’Antonio, che si celebra il 13 giugno. Nella seconda domenica di maggio si teneva anche la fiera. Visto che siamo nel campo religioso, chiedo pure dei canti popolari dedicati ai santi: ricordo le registrazioni del professor Leonardo Alario fatte nel 1982, il quale ha raccolto anche le canzoncine della Settimana santa. Cantavano Antonio Pellitta, Domenico Giampietro, Agnese, Rosa e Maria Franco, Giuseppina Toscano e Maria Domenica Giacumbo. Belli anche i canti di pellegrinaggio alla Madonna del Pollino: Simi venuti da longa via. Altre canzoncine sono dedicate a Santa Lucia e a S. Rocco. E a Carnevale è bello riascoltare Oj cumpàre mie, cantata dall’indimenticabile non vedente Antonio Pellitta e da Domenico Giampietro. Però, c’è pure qualche canzoncina che prende in giro i poveri emigranti d’America: E llu cafone s’è mmìse’i guan (Il cafone ha indossato i guanti, ndr). La nostra signora è una miniera di notizie, peccato che dopo tante curve, siamo arrivati già al paese, che nell’800 l’abate Padula, lo vedeva così: «Montegiordano è sul pendio del timpone Pizzuto; ha vasto orizzonte. All’interno delle case hanno il pozzo sorgivo».

La mia simpatica compagna di viaggio dice che «nella masseria di Monte Melazzo c’erano tanti tesori, ma nessuno è riuscito ancora a scovarli». Vincenzo Padula si divertiva a raccogliere notizie “piccanti”, specie se riguardavano monaci e preti: «A Montegiordano, i preti hanno le puttane; però il vescovo Acciardi non punisce l’arciprete Andreassi, nella cui casa riceve il caffè da Maria Domenica». Comunque, anche don Vincenzo Padula era prete, e in una della tante carte dei suoi preziosi appunti aveva scritto delle “sette donne da lui amate”. Lo scrittore di Acri ci ricorda anche il costume femminile di Montegiordano: «panno trinato in testa, nero o rosso; fazzoletto al collo, camicia con riccio, sinale, gonnella di panno nero, u jettulo nero». Il costume maschile lo vediamo nelle fotografie di Pietro Tarsia, di Di Lernia  e di Riccardo Liguori: pantaloni di velluto nero, camicia bianca, e in tempo di lutto, la cravatta nera. E’ interessante riportare anche questi altri appunti del Padula:  «a Montegiordano e Nocara chi ha il gozzo o l’ernia, quando suona la gloria del Sabato Santo, se li toccano e stringono  dicendo: Gloria sonanno / cuglia o vozza passanno».

Montegiordano di oggi: questa gente è sempre laboriosa; vanno bene i piselli. Ieri, «vi si coltivavano grano e legumi. Si producevano 800-900 tomoli di pere all’anno, venivano essiccate e si vendevano a Taranto. Ma ora il commercio è finito e le pere si danno ai maiali e alle vetture (bestie da soma e da sella), mescolandole con le biade». Lungo il torrente Cardone sono ancora visibili i resti del mulino ad acqua e della vecchia Fornace (nella foto), dove uscivano coppi (i ciaramìle) e mattoni. Il castello di Piano delle rose (nella foto in alto una vecchia diapositiva) mantiene i portali ad arcata, le scale e la cisterna; al centro del cortile c’erano i magazzini delle derrate agricole. L’arte popolare è molto antica: tra i reperti archeologi di una fattoria romana nella citata località Menzinaro ci sono anche oggetti di filatura e tessitura. A Montegiordano puoi gustare buoni prodotti tipici: olio, formaggi e  salumi. Se avessero messo in funzione il famoso salumificio avremmo avuto una discreta occupazione per i giovani e anche cose nostre e di buon gusto. Altre notizie su Montegiordano si trovano nel libro di Carmelo Mundo, che ha recentemente pubblicato una documentata monografia sul Catasto onciario del 1745. Qui echeggia ancora la delicatissima poesia del compianto Luigi Pace. E l’altro poeta, Gino Rago canta il sapore dei fichi, i giochi dell’infanzia, suo padre che lavorava nella bottega. Ora procedo verso Roseto, Oriolo e Amendolara.

Giuseppe Rizzo

Share Button

One Response to Raccontando Montegiordano. La vecchia Fornace e le notizie “piccanti” del Padula

  1. Gino Rago 2018/08/22 at 18:16

    Ringrazio Giuseppe Rizzo per avermi nominato, o se si vuole, ricordato nella tappa montegiordanese del suo Tour altoionico, fra miti, racconti, leggende, canti religiosi, profani, licenziosi, e altro…
    Dedico questi miei versi inediti, letti in occasione della inaugurazione del Laboratorio delle Idee sorto sul mio gesto libero e spontaneo della donazione patrimonio librario [di poesia, di saggistica letteraria, di narrativa contemporanee] alla Fondazione S. Maria delle Armi e al suo Presidente, poetessa Filomena Rago,
    a Giuseppe Rizzo, ai montegiordanesi, a tutti i lettori di Poesia.

    La poesia “Testamento” la propongo in forma di distici

    Gino Rago
    Testamento
    [Vi lascio parole senza suono]

    Vi lascio le schegge. Vi lascio il sole.
    Vi lascio la grandine, la pioggia, il vento.

    Vi lascio i cascami delle fonderie,
    Le scorie radioattive,

    La ricchezza del mondo in poche mani,
    Le macromolecole di veleni.

    Vi lascio le vernici, la plastica, i trucioli
    E il grafene.

    Vi lascio parole senza suono,
    I sentieri del dolore,

    Le vie della mano sinistra,
    Il catrame, le maschere, le colle,

    L’alluminio in lamine per le scodelle dei cani,
    Le limature, la calce viva, le polveri sottili.

    Vi lascio il sorriso del prigioniero.
    L’ansia d’azzurro di madri nel nero.

    Vi lascio.
    Vi lascio le stelle che brilleranno

    E le schegge di quest’uomo nel fango.
    Vi lascio il fango.

    Vi lascio i versi del poeta, il suo gesto nel vuoto,
    I suoi frammenti sparpagliati nei libri.

    Vi lascio i libri
    Per essere più liberi.
    Gino Rago
    Inaugurazione del “Laboratorio delle Idee”, Cerchiara di Calabria, Fondazione S. Maria Madonna delle Armi 23 Aprile 2018

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *