Redazione Paese24.it

La comunicazione nei bambini. A Rossano un incontro dedicato ai più piccoli

La comunicazione nei bambini. A Rossano un incontro dedicato ai più piccoli
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

“La comunicazione precoce del bambino” al centro di un incontro organizzato dalla sezione territoriale “Jonio cosentino” dell’Age, Associazione italiana genitori, che si concentra sul bene e l’interesse della famiglia e dei figli sotto il profilo educativo, sociale, culturale, etico, fisico e psicologico. L’iniziativa – tenutasi presso la biblioteca diocesana di Rossano – è stata pianificata in partenariato con una farmacia cittadina. A moderare, il sociologo e giornalista Antonio Iapichino.

Nel porgere i saluti, la presidente di sezione, Vittoria Paletta, ha evidenziato che quest’anno ricorre il 50° anniversario dalla nascita dell’Age, riferendo che don Vittorio Salvati è stato designato, dall’arcivescovo Satriano, consulente spirituale dell’associazione.

Il vicario episcopale per la cultura, don Giuseppe De Simone, ha sottolineato che la Chiesa ha sempre dato rilevanza al ruolo della famiglia e come i genitori incidano nell’educazione dei figli, mentre la logopedista Laura Rizzo ha relazionato sullo sviluppo delle abilità comunicative nei primi due anni di vita: il ruolo dei gesti e il potenziamento della comunicazione precoce. Ha spiegato che fin dalle prime settimane di vita i bambini iniziano a comunicare e i genitori hanno un ruolo attivo nella stimolazione degli aspetti comunicativi.

Alla psicologa dello sviluppo, educazione e benessere nonché esperta in neuropsicologia clinica, Maria Toscano, è stata affidata la relazione sullo sviluppo dell’intelligenza emotiva nella relazione madre-bambino: le emozioni hanno un riflesso diretto sullo stato di salute e svolgono un ruolo rilevante per la socializzazione.

Soddisfatti gli organizzatori dell’evento. «Ha rappresentato un momento di crescita e di confronto. In attesa che giungano le parole, la possibilità di comprendere con maggiore consapevolezza i messaggi non verbali che arrivano dai bambini».

Federica Grisolia

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *