Redazione Paese24.it

Amendolara. Dopo oltre 40 anni ritorna la Messa nella chiesa del Convento dei Domenicani

Amendolara. Dopo oltre 40 anni ritorna la Messa nella chiesa del Convento dei Domenicani
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La chiesa del convento di San Domenico riaprirà al culto con la celebrazione della Santa Messa e di tutte le altre funzioni religiose. Il convento dei domenicani, edificato nel XVI secolo in seguito all’autorizzazione di Papa Leone X datata 16 giugno 1521, oggi è di proprietà privata a parte la chiesa donata al Comune. Negli ultimi anni, dopo alcuni importanti interventi di restauro che hanno portato il rifacimento del tetto, la chiesa del convento è stata riaperta per ospitare alcune manifestazioni soprattutto di carattere civile, come ad esempio il “Premio Pagano” dedicato al mondo della Scuola. Ma quest’anno la chiesa tornerà ad ospitare, per la prima volta dopo oltre 40 anni, una Santa Messa. La notizia è di questi giorni e si concretizzerà presumibilmente domenica 29 aprile, dove in quel fine settimana Amendolara festeggia il suo patrono San Vincenzo Ferrer, predicatore che appartenne proprio all’ordine dei Domenicani.

Questa occasione, sicuramente storica per Amendolara, si è presentata in seguito ai lavori di restauro e risanamento conservativo della chiesa madre di Amendolara centro, dedicata a Santa Margherita Vergine e Martire. I lavori, finanziati con il contributo dell’8×1000 alla Chiesa Cattolica, dovrebbero iniziare proprio nel mese di aprile, dopo la Santa Pasqua, per concludersi, si presume, entro fine anno. Ed ecco che, trovandosi di fronte alla decisione di dover individuare un luogo idoneo per celebrare le funzioni religiose in questo lasso di tempo, il sindaco Antonello Ciminelli ha proposto al sacerdote don Vincenzo Santalucia l’affascinante idea di utilizzare la chiesa del Convento. La proposta, subito accolta dal sacerdote, è stata fatta pervenire al vescovo della Diocesi di Cassano all’Ionio, don Francesco Savino, che prima per le vie brevi e poi per iscritto ha autorizzato la riapertura al culto della chiesa del Convento dei Domenicani. La chiesa del convento – come precisa anche don Vincenzo – non è mai stata sconsacrata, ma semplicemente non più utilizzata per inagibilità, dovuta principalmente alle precarie condizioni della copertura. Intanto, sfogliando il libro dei ricordi, l’ultima Santa Messa celebrata nella chiesa di San Domenico risale al 15 aprile 1973 (Domenica delle Palme), officiata dall’allora parroco don Antonio Propati. E dopo oltre quarant’anni nella chiesa di San Domenico ritornerà l’Eucaristia del Signore.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *