Redazione Paese24.it

Rossano, alla scoperta dei quartieri fantasma

Rossano, alla scoperta dei quartieri fantasma
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Riqualificare e rivitalizzare il centro storico con una vera e propria invasione dei quartieri fantasma, stimolando dal basso e con metodo multidisciplinare, riflessioni e progetti per una riappropriazione identitaria. E’ l’iniziativa dal titolo “Chi resta in quel che resta”, promossa da Nostos – Rete degli Alberghi Diffusi, in partnership con l’associazione europea “Otto torri sullo Jonio”, patrocinato dal  Comune di Corigliano – Rossano e dal Parco Nazionale della Sila, che partirà domenica 13 maggio, alle ore 9, dalla centralissima Piazza Steri, a Rossano. Artisti, urbanisti, creativi, fotografi, camminatori, opinion maker, associazioni culturali, professionisti, antropologi, poeti, storici, filosofi, gastronomi e amanti del paesaggio e delle tradizioni, con una vera e propria invasione, simbolica e pacifica, andranno alla scoperta dei quartieri fantasma della città alta. Numerosi, inoltre, i partner che aderiscono all’iniziativa.

L’escursione guidata nelle zone abbandonate della Città del Codex rappresenterà la prima di due tappe che toccheranno i due centri storici del Comune unico. A questa, seguirà, infatti, l’invasione negli analoghi quartiere fantasma del centro storico di Corigliano. I risultati del progetto culturale faranno da cornice ad un evento pubblico finale di confronto e di proposta su un’ipotesi di rivitalizzazione creativa dei luoghi visitati, ispirata alla pratica artistica ed urbanistica della cosiddetta agopuntura urbana (una pratica d’ispirazione biopolitica, che utilizza la metafora dell’agopuntura, pratica della medicina tradizionale cinese, per designare il carattere locale dei propri interventi).

f.g.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *