Redazione Paese24.it

Pollino. Le nuove strategie del Parco per la lotta ai cinghiali

Pollino. Le nuove strategie del Parco per la lotta ai cinghiali
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Nel Parco del Pollino è ancora emergenza cinghiali. L’ultimo provvedimento – annunciato dal vicepresidente dell’Ente e sindaco di San Severino Lucano, Franco Fiore – è l’aumento dei selecontrollori che passeranno dagli attuali 370 a 570. Preoccupano, infatti, i danni provocati alle colture e alla biodiversità. Fiore ricorda che «il Parco ha messo a disposizione dei fondi per realizzare recinzioni finalizzate a ridurre i danni, ma, per problemi burocratici, tali fondi sono utilizzabili solo sul versante calabrese del Parco e non ancora su quello lucano».

All’abbattimento con il selecontrollo, già in vigore, attuato da un “cacciatore” con specifiche qualifiche e titoli che gli consentono di praticare questa particolare attività venatoria, si aggiunge la cattura con chiusini e similari. «I capi derivati da abbattimento e cattura – spiega il vicepresidente del Parco – dovrebbero poi entrare in una filiera legata agli ungulati e, cioè, sfruttare la disponibilità di carne dei cinghiali abbattuti per la creazione di prodotti tipici. In questo modo riusciremmo a raggiungere un duplice obiettivo: dare sollievo agli agricoltori, che non riescono più a gestire i danni causati da questi animali, e allo stesso tempo dar vita a una filiera per la macellazione, la lavorazione e la vendita di carne di cinghiale e dei suoi derivati».

Di emergenza cinghiali si è parlato anche durante un incontro fra Parchi presso la sede del Gallipoli Cognato (Piccole Dolomiti Lucane) a cui hanno preso parte lo stesso Franco Fiore, i rappresentanti di tutti i Parchi Lucani, la Coldiretti Basilicata, Federparchi e l’assessore regionale all’ambiente.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *