Redazione Paese24.it

Castrovillari torna in Serie D. I “lupi” battono l’Agropoli in uno stadio gremito

Castrovillari torna in Serie D. I “lupi” battono l’Agropoli in uno stadio gremito
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il Castrovillari riconquista la Serie D dopo un anno di “purgatorio” in Eccellenza. Nel ritorno della finale dei play off nazionali i “lupi” superano per 1-0 l’Agropoli (all’andata 1-1 in Campania), davanti a circa 2000 persone, e fanno festa sotto la curva gremita (nella foto copertina) e la tribuna gremite. Il match del “M. Rende” parte contratto, troppo alta la posta in palio

Il Castrovillari è attendista ma l’Agropoli non sembra avere le idee chiare per fare la partita come dovrebbe. Tant’è che i pericoli maggiori li creano proprio gli uomini di casa. All’undicesimo minuto una bella sforbiciata del centravanti Catania termina di poco alta. Gli ospiti non mordono. E il Castrovillari torna a provarci. Prima al 26′ quando Benincasa raccoglie una palla vagante che schizza fuori area e fa partire un fendente alzato in angolo dal portiere. Due minuti più tardi ci prova anche De Simone ma il suo tiro al volo termina abbondantemente al lato. Il primo tempo si chiude a reti bianche.

Nella ripresa la musica cambia. I padroni di casa non vogliono rischiare la beffa e puntano con decisione al gol della tranquillità. Dopo otto minuti mister Ferraro getta nella mischia Musacco (per Catania) e Grosso (per Caligiuri) e i rossoneri iniziano a fare girare la palla allargando il gioco sulle fasce, mandando in affanno la retroguardia bianco azzurra. Al 54” bordata del neo entrato Grosso ma l’estremo difensore ospite si salva in angolo.

Al 17′ episodio chiave: brutto fallo del giocatore dell’Agropoli, Maimone, che si becca la seconda ammonizione e guadagna anzitempo la doccia. E’ l’episodio che spacca il match. Al 72′ De Simone ben servito da capitan Micieli, sul filo del fuorigioco si trova a tu per tu con il portiere. Sa di avere sul piede la palla della Serie D, mantiene la necessaria freddezza e di giustezza trova il gol che fa esplodere il “M. Rende” (nella foto qui in alto). Un gol ed un uomo di vantaggio a poco più di un quarto d’ora dalla fine sono un tesoretto da non sprecare per il Castrovillari.

L’Agropoli prova a gettare il cuore oltre l’ostacolo alla ricerca di quel gol che porterebbe le due squadre ai supplementari. Ma a parte un paio di interventi di routine del portiere rossonero, gli ospiti non danno mai l’impressione di poter impensierire il Castrovillari. Dopo ben sei minuti di recupero l’arbitro colored Diop di Treviglio (Bg) fischia la fine, scatenando la pacifica invasione di campo. E intanto i calciatori tutti a saltellare sotto la curva. Da stasera alle pendici del Pollino si torna a respirare aria di calcio che conta.

Castrovillari: Andreoli, De Lucia, Akrapovic, Benincasa, Della Guardia, Miceli, Caligiuri (Grosso), Di Domenico, Catania (Musacco), De Simone, Monteiro. A disp. Caputo, Curcio, Gagliardi, Sgueglia, Auriemma

Agropoli: Spicuzza, De Foglio (Gull0), Iommazzo, Giura, Pascuccio, Di Deo, Capozzoli, Santonicola, Bozzi, Guadagno, Maione V. A disp. Gesualdi, Natiello, Dattilio, Difilippo, Maione P., Apicella

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *