Redazione Paese24.it

Castrovillari. A 100 anni dalla morte, il ricordo del capitano Manes nella Caserma a lui intitolata

Castrovillari. A 100 anni dalla morte, il ricordo del capitano Manes nella Caserma a lui intitolata
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

In occasione del centenario della morte della Medaglia d’Argento al Valor Militare Cap. Ettore Manes, ieri (giovedì), nella sede della 2^ Compagnia Guastatori di Castrovillari, intitolata all’eroe, ha avuto luogo una solenne cerimonia commemorativa. Il colonnello Alessandro Del Biondo, Comandante dell’11° Reggimento Genio Guastatori di Foggia, reparto dell’Esercito Italiano in cui la 2^ Compagnia di Castrovillari è inquadrata, ha reso onore nel suo discorso alla figura eroica dell’Ufficiale castrovillarese caduto a Fosso Palumbo (Treviso) nel 1918 durante il Primo Conflitto Mondiale, distintosi per molteplici atti di eroismo e decorato con tre Medaglie d’Argento al Valor Militare.

Il comandante, nel suo intervento, ha sottolineato che «celebrare i caduti con il loro estremo sacrificio significa riconoscere il contributo che hanno dato nel permettere di realizzare gli ideali di unità nazionale, infine ha ricordato come spirito di sacrificio, altruismo, impegno, lealtà e onore militare rappresentano i pilastri dell’etica militare». A suggellare la solennità della giornata con gli onori ai caduti in guerra, la deposizione di una corona di alloro presso la lapide commemorativa presente in caserma in memoria dell’eroe e, a conclusione dell’evento, la santa messa in caserma. Alla cerimonia hanno partecipato, in segno di genuina vicinanza alla Compagnia, al Reggimento e alla Forza armata, la signora Maria Manes (nella foto qui sopra), nipote dell’eroe e numerose autorità civili, militari e religiose.

L’11° Reggimento Guastatori di Foggia e la 2^ Compagnia di Castrovillari sono i Reparti del Genio della Brigata Pinerolo che, così come i loro omologhi delle altre Brigate, grazie alle esperienze maturate nei teatri operativi e alla elevata connotazione “dual use”, operano in favore della comunità nazionale sia con la bonifica di residuati bellici, ancora ampiamente presenti sul territorio nazionale, sia in caso di pubblica utilità a favore della popolazione civile.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *