Redazione Paese24.it

A Lungro l’incontro dei Vescovi Orientali Cattolici

A Lungro l’incontro dei Vescovi Orientali Cattolici
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Il paese arbëreshe ospita l'evento dopo Londra

Download PDF

Lungro, sede della storica Eparchia Cattolica di rito bizantino e Capitale Religiosa degli Italo-Albanesi in quanto raccoglie sotto la propria giurisdizione tutte le comunità albanesi sparse per l’Italia, per tre giorni, a partire dal 14 e fino al 17 giugno, è stata scelta quale sede del XXI incontro dei Vescovi Orientali Cattolici. Un evento di straordinaria importanza religiosa se si pensa che l’incontro annuale del 2017 si è svolto a Londra. Ben 70 prelati, tra cui i Cardinali Angelo Bagnasco (presidente della CEI) e Leonardo Sandri invitati dall’Eminente Eparca di Lungro Mons. Donato Oliverio, si sono ritrovati per tre giorni sui contrafforti del Pollino per dare ulteriore impulso all’unità religiosa tra Oriente e Occidente.

Nell’occasione lo stesso Papa Francesco ha inviato ai Vescovi un messaggio nel quale ha espresso il proprio compiacimento e l’augurio affinchè «l’incontro – ha scritto Papa Francesco – possa essere una provvida iniziativa volta ad approfondire aspetti importanti dell’identità e della missione delle Chiese Orientali Cattoliche al fine di favorire il vincolo di unità e di comunione tra i pastori, imprimendo un ulteriore e coraggioso impulso alla nuova evangelizzazione del continente europeo».

Per la cronaca va ricordato che l’incontro è stato organizzato a Lungro perché vuole essere preparatorio ai solenni festeggiamenti per il Centenario dell’istituzione dell’Eparchia di Lungro avvenuta il 13 febbraio 1919 con la costituzione apostolica“Catholici fideles” di Benedetto XV. Per organizzare al meglio i festeggiamenti in programma il prossimo anno, l’Eparca di Lungro Mons. Donato Oliverio, sempre più apprezzato dal Vaticano per il fecondo impulso che egli sta dando ai rapporti con la Chiesa Romana, ha istituito un Comitato d’Onore nel quale ha invitato alla collaborazione una serie di personalità del mondo religioso e civile, tra cui l’ing. Nicola Barone, originario di Cerchiara di Calabria e attuale Presidente di TIM San Marino. A Lungro la Chiesa d’Oriente ha dialogato con la Chiesa d’Occidente.

Per dare l’avvio ai lavori Monsignor Donato Oliverio, vestito dei caratteristici paramenti sacri di rito greco-bizantino, ha atteso i 70 Vescovi all’entrata della sua Curia per il saluto e l’abbraccio cristiano e per la visita al Museo dell’Eparchia e subito dopo, in corteo, i Vescovi hanno raggiunto la Cattedrale intitolata a San Nicola di Mira per dare il via alle intense giornate di studio.

«Ospitare i vescovi cattolici orientali d’Europa nel 21esimo incontro e farlo per la celebrazione del primo centenario dell’Eparchia di Lungro – ha dichiarato ai suoi confratelli S.E. Oliverio – è una cosa veramente commovente: giorni di dialogo e di rapporti umani, ma anche di esperienze pastorali che ci fanno crescere e capire meglio ciò che le Chiese Universali chiedono alle Chiese Orientali. In questa ottica – ha concluso l’Eparca di Lungro – ciò che la piccola Eparchia di Lungro vuole mostrare al mondo della Chiesa Universale è il volto della cultura bizantina, radicata nel territorio e da sempre riferimento per i religiosi d’Albania e di Grecia».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *