Redazione Paese24.it

Oriolo si fa bella sulla RAI. Con il suo castello multimediale e il fascino dell’antico borgo

Oriolo si fa bella sulla RAI. Con il suo castello multimediale e il fascino dell’antico borgo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Oriolo si fa bella in TV. Il Comune, inserito tra “I Borghi più belli d’Italia”, è stato ospite oggi della Rai, nel corso del TG3 Calabria. Dapprima stamattina, con un collegamento alle 7.30 e a seguire durante il consueto appuntamento del telegiornale regionale delle ore 14 su RaiTre. Continua l’azione di valorizzazione del piccolo borgo dell’Alto Jonio, alle pendici del Pollino, intrapresa dall’Amministrazione Comunale che con il vicesindaco, nonché assessore alla Cultura, Vincenzo Diego (nella foto) ha intrapreso un percorso virtuoso in chiave turistica. Davanti alle telecamere della Rai, nella diretta da piazza San Giorgio, incastonata tra la chiesa madre e il castello normanno –  è comparso stamani oltre al primo cittadino Giorgio Bonamassa e al suo vice Diego, anche lo storico Vincenzo Toscani che ha brevemente presentato la preziosa reliquia dell’alluce di San Francesco di Paola, custodita nella chiesa madre.

Nella diretta pomeridiana, invece, in una bella cornice allestita con tre ragazze oriolesi (Francesca, Carmen e Francesca) vestite in costume medievale, il vicesindaco Vincenzo Diego ha presentato le novità multimediali presenti all’interno del castello che permettono di condurre i visitatori in un’affascinante viaggio all’interno del maniero, adatto anche e sopratutto ai visitatori più giovani che attratti dalla multimedialità potranno avvicinarsi in una maniera più coinvolgente alla storia. Così come i diversi laboratori di ceramica, pittura, cinematografia, attivati di recente per vivacizzare il centro storico. Il servizio Rai ha messo in risalto la cura del borgo, con le sue viuzze; l’accoglienza della gente del posto e la programmazione di un’Amministrazione Comunale attenta a trasformare il piccolo centro collinare di Oriolo in uno scrigno di storia, fede, saperi e sapori a disposizione del visitatore.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *