Redazione Paese24.it

Rossano, consegnate agli studenti borse di studio in memoria di Lea Garofalo

Rossano, consegnate agli studenti borse di studio in memoria di Lea Garofalo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Sono state consegnante, nel corso di una cerimonia nella sala delegazione del Comune di Rossano, le Borse di Studio assegnate agli studenti delle scuole dell’intero territorio che hanno aderito al progetto dal titolo: “La Mafia uccide, il silenzio pure” promosso dal dipartimento Cultura, Identità, Legalità di Fratelli d’Italia di Rossano che, da alcuni anni, promuove una serie di iniziative finalizzate alla diffusione tra le giovani generazioni della conoscenza di problematiche che affliggono la società, al fine di far assumere loro le conoscenze necessarie per affrontare una serie di problematiche in modo critico e consapevole.

Quest’anno, in collaborazione con il Dipartimento Tutela Vittime FDIM, l’Associazione “Il Risveglio Ideale” e l’Associazione “Basta Vittime sulla SS 106”, si è voluto offrire, ai giovani studenti dei diversi istituti scolastici dell’intero territorio, un momento di riflessione sulla tematica del fenomeno mafioso, partendo da un’analisi dello stesso finalizzata a far comprendere loro come l’arretratezza culturale rappresenti l’elemento principale su cui la mafia fa leva per intercettare adepti.

Lea Garofalo

L’azione programmata trae spunto dalla storia di Lea Garofalo, donna uccisa dalla mafia, in ricordo della quale è stata istituita la Borsa di Studio all’interno di un percorso che mira a creare nei giovani la consapevolezza della cultura mafiosa e dell’illegalità, facendo maturare in loro il senso di giustizia e lealtà. Hanno partecipato ragazzi di età compresa tra i 12 ed i 30 anni, individualmente o in gruppo che hanno prodotto un elaborato consequenziale ad una riflessione della lettura della storia di Lea Garofalo che ha pagato con la vita la sua scelta di diventare una testimone di giustizia. Rapita e torturata, il suo cadavere è stato poi sciolto nell’acido. La storia di Lea è stata raccontata minuziosamente dalla sorella Marisa.

Primo posto singolo a Silvia Pia Provenzano. Menzione di merito, categoria singoli, per il video di Paolo Smurra. Primo posto, categoria gruppo, per la classe IIS Green “Falcone Borsellino” III^ A con la poesia dal titolo: “A Lea”. Menzione di merito, categoria gruppo classe, alla Scuola Media Statale “Leonardo da Vinci” classe II^ A e II^ B per la categoria riservata ai video. La Commissione era formata da: Carmela Barbieri, Eleonora Dimizio, Mariavittoria Bonaccorsi, Simone Straface e Rosanna Greco. Membro esterno, invece, il Prof. Bruno Mandalari. Presidente della Commissione: Professoressa Stella Pizzuti (docente al Liceo Classico “San Nilo” di Rossano ed ex assessore alla cultura della Città del Codex).

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *