Redazione Paese24.it

Buona sanità, bimbo salvato al Pronto Soccorso di Trebisacce

Buona sanità, bimbo salvato al Pronto Soccorso di Trebisacce
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Sono le 10.00 di sabato 21 luglio: fa molto caldo e il piccolo Francesco, che da qualche giorno ha un po’ di tosse e qualche linea di febbre, non si sente bene. Ma sabato mattina le sue condizioni si aggravano in pochi minuti: tossisce, respira a fatica, impallidisce, rischia di rimanere senza fiato e iniziano le convulsioni. I genitori, in preda a comprensibile panico, non sanno che fare e lo portano in tutta fretta al Pronto Soccorso del “Chidichimo”. All’arrivo al Pronto Soccorso, i medici di turno si rendono subito conto della gravità del caso. E allora non c’è tempo da perdere e iniziano a praticare il protocollo salvavita previsto in casi del genere: flebo, terapie farmacologiche, manovre salvavita, somministrazione d’ossigeno.

All’inizio, il piccolo Francesco sembra non rispondere a nessuna di queste sollecitazioni. Il dottor Giorgio Ferrara responsabile del Pronto Soccorso, supportato dalla sua èquipe (i medici Vito Bonanno e Patrizia Ronconi e l’Anestesista Tonino Rago) attuano tutto il protocollo sanitario previsto nei casi di emergenza-urgenza. All’ennesimo tentativo, Francesco comincia a rispondere alle sollecitazioni farmacologiche somministrate dai sanitari: il suo respiro si stabilizza, i suoi valori vitali si normalizzano, la sua frequenza cardiaca si regolarizza e le convulsioni piano piano si attenuano e sparisce anche quello spaventoso stato di pallore. Il bimbo riapre gli occhi, ora è sereno e interagisce con i medici e con i genitori e dimostra chiari segni di ripresa.

Questa è la storia di un salvataggio. Una storia che parla di una bella pagina di buona sanità. Quella di un bambino letteralmente “strappato” dalle mani ruvide della morte e restituito alle braccia affettuose di mamma e papà. Francesco viene tenuto sotto controllo e monitorato per alcune ore e poi viene trasferito presso un’unità operativa di Pediatria, meglio attrezzata del presidio sanitario di Trebisacce.

Pino La Rocca

 

Share Button

2 Responses to Buona sanità, bimbo salvato al Pronto Soccorso di Trebisacce

  1. Roberto 2018/07/23 at 14:40

    Se i nostri governanti tenessero conto di situazioni come queste e altre,o tenessero a cuore la salute dei cittadini, non staremmo neanche a parlare o srivere pagine di giornali….è bene ciò che finisce bene…

    Rispondi
  2. Angela 2018/07/23 at 18:02

    Complimenti, veramente bravi per aver “operato” raggiungendo risultati eccellenti nonostante la precarietà dei mezzi a loro disposizione.
    Bisognerebbe metterlo bene in mostra e farlo conoscere a tutti quei politici o pseudo tali che sino ad oggi ci hanno riempito la testa di chiacchiere e di menzogne.
    Ancora una volta, a centro di primo intervento Trebisaccese, è l’uomo con la sua professionalità che ha fatto la differenza.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *