Redazione Paese24.it

Cosenza, operazione Forestale. Deferite 13 persone per sfruttamento aree demaniali fiume Crati

Cosenza, operazione Forestale. Deferite 13 persone per sfruttamento aree demaniali fiume Crati
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il Corpo Forestale dello Stato ha posto sotto sequestro più di dieci ettari di superficie demaniale usata abusivamente e ha deferito all’autorità giudiziaria 13 persone tra proprietari di ditte individuali e amministratori di società che operano nella produzione di materiale inerte. L’operazione è stata portata a termine dagli uomini del Primo Dirigente Francesco Curcio, e sono state coordinate dal Procuratore Capo, Dr. Dario Granieri, e dal Procuratore Aggiunto, Dr. Domenico Airoma. L’attività investigativa ha portato alla luce l’occupazione e lo sfruttamento di aree demaniali lungo il fiume Crati nei comuni di Zumpano, Castiglione Cosentino, Rende, San Pietro in Guarano, Montalto, Rose e Luzzi.

I reati contestati vanno dall’occupazione abusiva di suolo demaniale, allo scarico abusivo di rifiuti reflui provenienti dalla lavorazione degli inerti, al deposito incontrollato di rifiuti provenienti da vasche di decantazione, e alla, conseguente, modifica dello stato dei luoghi. L’azione investigativa, durata mesi, si è conclusa ieri (lunedì) con personale e mezzi aerei del Corpo Forestale dello Stato. Durante l’azione sono state sequestrate 7 macchine per il lavaggio degli inerti e altrettante vasche per la decantazione con annesse condutture e un impianto di lavaggio in zona demaniale.

Rosanna Angiulli

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *