Redazione Paese24.it

Rocca Imperiale, fratelli Aletti premiati a “Note di fuoco”

Rocca Imperiale, fratelli Aletti premiati a “Note di fuoco”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Premio cultura per Giuseppe e Caterina Aletti, di Rocca Imperiale, nell’ambito della manifestazione “Note di fuoco” di Belvedere Marittimo, dove i grandi maestri italiani e internazionali dell’arte pirotecnica si sono dati appuntamento nella cornice di Capo Tirone per i loro spettacolari fuochi d’artificio che esplodono a ritmo di musica dalle barche in mare. Tra le novità di quest’anno, appunto, l’istituzione di un premio riservato alle eccellenze calabresi.

Giuseppe Aletti è poeta, editore, docente nei laboratori di scrittura con Francesco Gazzè (autore di molti successi del fratello Max Gazzè), ed è anche il direttore artistico di importanti manifestazioni culturali, come il “Premio Cet” in collaborazione con Mogol, i premi “Maria Cumani” e “Salvatore Quasimodo” in collaborazione con Alessandro Quasimodo, nonché l’artefice del progetto che ha reso famoso il borgo di Rocca Imperiale come “Il Paese della Poesia” e del festival “Il Federiciano” (quest’anno in programma dal 18 al 26 agosto ndr), collegato al progetto.

Giuseppe Aletti

«È un importante riconoscimento alla proposta visionaria di Giuseppe Aletti di riqualificazione architettonica utilizzando le poesie come arredo urbano – ha affermato nel suo discorso di ringraziamento la giornalista Caterina Aletti, alla presenza della conduttrice televisiva Francesca Russo, dello speaker Italo Palermo, del giornalista sportivo Sandro Donato Grosso -. Nei vicoli del borgo è custodita una preziosa antologia a cielo aperto con le poesie in ceramica, affisse ai muri delle case, scritte dai vincitori del concorso “Il Federiciano” ma anche di artisti famosi che hanno donato i propri versi per la realizzazione di questo splendido progetto, contribuendo così alla creazione del “Paese della Poesia”: Dacia Maraini, Lawrence Ferlinghetti, Alejandro Jodorowsky, Mogol, Pupi Avati, Omar Pedrini, solo per citarne alcuni».

C’era soltanto Caterina a ritirare il premio, consistente in una scultura d’argilla che rappresenta un fuoco d’artificio e consegnatole da Federica Perre nella serata del 29 luglio, l’ultima dei tre giorni del festival pirotecnico, organizzato dall’associazione CreativaMente, guidata dal presidente Vincenzo Martorelli, e formata da Raffaele Pantano (vicepresidente), Francesco Siciliano (tesoriere e direttore artistico) e dalla Perre (segretaria).

f.g.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *