Redazione Paese24.it

Castrovillari, una finestra aperta sul mondo con l’Estate Internazionale del Folklore

Castrovillari, una finestra aperta sul mondo con l’Estate Internazionale del Folklore
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Trentatré anni, oltre 6000 artisti, più di 250 gruppi, 7 giorni di tradizioni, valori, usanze e costumi, una finestra aperta sul mondo. Questa è l’Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino in programma a Castrovillari dal 16 al 23 agosto. La manifestazione – organizzata dall’Associazione Culturale E.I.F. con il contributo del Comune di Castrovillari, del Parco Nazionale del Pollino, della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza, in collaborazione con la Gas Pollino, Pollino Gestione Impianti, la F.I.T.P. (Federazione Italiana Tradizioni Popolari), lo I.O.V. Italia, i brand ACT ( Ambiente, Cultura e Turismo), Castrovillari Città Festival e l’apporto di sponsor privati, è stata presentata, ieri (venerdì), a Palazzo di Città.

All’incontro sono intervenuti il sindaco, Mimmo Lo Polito, la sua vice, Francesca Dorato, il presidente del Consiglio comunale, Piero Vico, il presidente del Parco del Pollino, Mimmo Pappaterra, e il direttore artistico, Antonio Notaro. Presenti, inoltre, il presidente regionale della F.I.T.P., Marcello Perrone, il presidente della Pro Loco, Eugenio Iannelli e i consiglieri comunali.

Ad aprire l’evento, il Flash Mob delle allieve del progetto CEA dirette dalla maestra Tilde Nocera che, sabato 16 agosto, alle ore 22, coinvolgerà il popolo del Festival, in Piazza Municipio, per aprire ufficialmente la 33° edizione. Così come tutte le coreografie, quest’anno rivolte al sociale, all’ascolto e all’azione creativa con la collaborazione, oltre che del fratello Daniele Nocera, anche del percussionista Massimo Ventricini.

Un programma ricco all’insegna del folklore mondiale, tra musiche, canti, danze e sfavillio di colori grazie alla presenza dei gruppi provenienti da Polonia, Ecuador, Francia, Corea del Sud, Martinica, Messico, Burkina Faso e Italia. Una vera e propria finestra sul mondo, anticipata, in conferenza stampa, dalle comunità presenti a Castrovillari con una rappresentanza della Romania, Ucraina, Costa d’Avorio e Cuba.

Tante le iniziative in programma. Uno sguardo al passato attraverso gli “Antichi Batacchi e Murales d’Autore”, a cura dell’Associazione Culturale “Mystica Calabria”, presieduta da Ines Ferrante; incontri culturali con l’Accademia Pollineana; alla riscoperta della città, con i Clubs, Vespa e Lambretta;  musica etnica con i “Castrum Sound”;  “lezioni di ballo” a cura dei gruppi partecipanti; “Olimpiadi del Festival” con i giochi di un tempo; omaggio a “Luigi Russo”, cultore delle tradizioni e visite guidate tra le meraviglie del Pollino.

I “Colori del Mondo”si intrecceranno con la quinta edizione del  concorso fotografico intitolato a “Barbara Malomo” e la musica africana con l’omaggio a “Benedetto Marino”. Durante i giorni del Festival sarà possibile visitare presso il Teatro Vittoria, la mostra espositiva “33 anni di ricordi”. Oggetti, strumenti musicali e costumi tradizionali ripercorreranno la storia dell’Estate Internazionale del Folklore.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *