Redazione Paese24.it

Fienile in fiamme in una masseria di Trebisacce

Fienile in fiamme in una masseria di Trebisacce
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

A fuoco, nel corso della notte tra giovedì e venerdì, un fienile di una masseria situata in una contrada che sorge in prossimità del sito archeologico di Broglio di Trebisacce: i Vigili del Fuoco Volontari di Trebisacce, accorsi sul posto in pochi minuti, hanno operato per tutta la notte con i loro potenti idranti per ridurre alla ragione le fiamme ed evitare che il fuoco si propagasse alla masseria, ai mezzi agricoli ed agli animali custoditi al suo interno ed anche ai boschi circostanti. Boschi per la verità già oltraggiati dagli incendi, di quasi certa matrice dolosa, che per tutto il mese di luglio hanno devastato e incenerito gran parte del patrimonio boschivo che un tempo copriva gli irti crinali del Monte Mostarico.

E anche questa volta, anche se le ragioni possono essere diverse, non viene esclusa la matrice dolosa e quindi la mano dell’uomo che ha ridotto in cenere tutto il contenuto del fienile e cioè tutto il foraggio accumulato per sfamare gli animali nella restante parte dell’anno ivi compresa la struttura in materiale infiammabile che lo conteneva. Fatto sta che, se non fosse stato per il pronto intervento dei Pompieri “discontinui” di Trebisacce rivelatosi ancora una volta essenziali nella lotta contro il fuoco, e non solo, i danni sarebbero stati ingenti perché, oltre alle strutture murarie della masserie, il fuoco avrebbe potuto attingere i trattori e gli altri macchinari agricoli e perfino gli animali custoditi nelle stalle e provocare quindi un danno incalcolabile che, forse, era l’obiettivo dei presunti e immancabili piromani.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *