Redazione Paese24.it

Amendolara. Trovato senza vita l’uomo scomparso

Amendolara. Trovato senza vita l’uomo scomparso
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

E’ stato ritrovato senza vita Giuseppe Munno, l’uomo di 73 anni disperso da ieri sera ad Amendolara. Il cadavere del povero Giuseppe è stato rinvenuto questa mattina (mercoledì), da un uomo del posto, attorno alle 9,30 in mare, a pochi metri dalla battigia, in una zona impervia tra i Lidi e “Novantanove”, in direzione del torrente Straface, ingresso Sud di Amendolara. Sul luogo del decesso i Carabinieri della stazione di Roseto Capo Spulico e il gruppo volontario della locale Protezione Civile. Da quello che si è appreso, l’uomo si sarebbe tolto la vita gettandosi in mare. Sul posto anche il magistrato e il medico legale. Il corpo si trova ora nella camera ardente del cimitero di Amendolara. Lascia la moglie Maria Franca ed il figlio Emanuele. Infinita tristezza nella comunità di Amendolara man mano che le voci sul decesso si sono fatte sempre più insistenti. L’uomo era conosciuto come una persona mite, buona d’animo, ben voluta da tutti. Così come il resto della sua famiglia. I funerali si terranno domani (giovedì) alle ore 17,30 nella chiesa “Madonna della Salute” di Amendolara Marina.

Il 73enne (nella foto) era stato visto l’ultima volta ieri (martedì) attorno alle 18,15, con una busta in mano, nei pressi di una carrozzeria alla Marina dove c’è un sottopasso per l’accesso al lungomare-lidi. L’uomo si sarebbe allontanato dalla sua abitazione sita, poco distante, in via Bologna, nei pressi di uno studio medico. La moglie rientrando a casa non lo ha trovato. In serata sono scattate le ricerche da parte dei Carabinieri di Roseto Capo Spulico e del locale gruppo volontario di Protezione Civile. Poi stamattina il triste ritrovamento.

v.l.c.

Share Button

One Response to Amendolara. Trovato senza vita l’uomo scomparso

  1. Pietro Adduci 2018/09/05 at 20:05

    Ricordo Giuseppe, compagno d’infanzia e di qualche anno della scuola elementare . Poi egli andò ad abitare con il papà e per anni non ci vedemmo. Ci incontrammo in treno dopo tanti anni e l’uno riconobbe l’altro. Quando ero direttore della scuola di Amendolara e lui con la famiglia abitava là ci incontravamo più spesso, l’ultima volta qualche mese fa. Ho stentato a credere, oggi,che fosse lui. Riposa in pace,amico mio!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *