Redazione Paese24.it

A Civita una colonia estiva per riscoprire il territorio

A Civita una colonia estiva per riscoprire il territorio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Si sono concluse da pochi giorni le attività della colonia estiva 2012 di Civita (nella foto). Lo slogan di questa prima edizione è stato: “L’Estate è un gioco da ragazzi per riscoprire il nostro territorio”. L’iniziativa è stata promossa dalla parrocchia di Santa Maria Assunta ed è stata patrocinata dall’Amministrazione comunale. Fondamentale il contributo dei genitori e del vice parroco, padre Remus Calin Mosneag. I ragazzi partecipanti sono stati circa 50,  l’età era compresa fra i 7 e i  18 anni, per circa 15 giorni di campeggio. Le attività sono state varie: dalle giornate di mare a Torre Cerchiara, alla piscina Grotte delle Ninfe, esperienze didattiche, visite alla grotta del Romito e a Papasidero, alla città storica di Rossano dove si venera la Madonna Achiropita, all’Abbazia del Patirion, alla fabbrica della liquirizia “Amarelli”, attività ludico espressive, animazioni,  teatro religioso, musica (karaoke),sport, tornei di calcetto e pallavolo, serate gastronomiche. Non sono mancati, ovviamente, momenti di preghiera e riflessione che indirizzavano la giornata. La mattina i ragazzi della colonia, ccon gli zainetti in spalla, si dirigevano verso lo scuolabus del comune per assaporare questa nuova esperienza,definita  da loro stessi interessantissima. La manifestazione si è conclusa con una serata enogastronomica e musicale che ha coinvolto tutta la comunità. Il sindaco di Civita, Vittorio Blois, si è dichiarato soddisfatto dell’iniziativa ed ha ringraziato tutti coloro i quali si sono prodigati nella realizzazione della stessa. L’iniziativa, secondo il sindaco, ha consolidato la formazione umana e spirituale della giovane comunità consentendo loro di amare e rispettare la loro terra ricca di valori umani, bellezze naturali e storia. L’esperienza della colonia, in un momento di crisi, rappresenta un impulso a socializzare e a vivere nel rispetto della società civile.

Rosanna Angiulli

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *