Redazione Paese24.it

Orsomarso. Nel centro storico un percorso alla riscoperta dei giochi di una volta

Orsomarso. Nel centro storico un percorso alla riscoperta dei giochi di una volta
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

L’amministrazione comunale di Orsomarso ha presentato il Percorso dei giochi di un tempo, inserito all’interno del centro storico del suo borgo, con cui si promuove la conoscenza e il valore delle tradizioni popolari. Finalità dell’iniziativa, che rientra nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018, marchio assegnato al Comune di Orsomarso grazie al lavoro di promozione e sostegno portato avanti dalla Camera di Commercio di Cosenza, è la promozione del patrimonio storico-culturale del centro storico e l’accrescimento degli attrattori e degli elementi immateriali di interesse turistico.

Il percorso è caratterizzato dal posizionamento di mattonelle in ceramica (nelle foto), riportanti i disegni di Ivo Guaragna, ognuna corredata da un’esplicativa targa interattiva, la cui descrizione è stata curata dalla maestra Maria Maratia e da Vulgo Minervini, presidente onorario della Pro Loco di Orsomarso. Le raffigurazioni sono disposte lungo un percorso che attraversa le strade del centro storico del borgo: si inizia la scoperta dei giochi partendo da Piazza Paolo Giannini, proseguendo per Largo Via Santa Sofia, Località Torretta e Largo Via Santa Croce, per poi finire il viaggio esplorativo in Piazza Municipio. «Per questa Amministrazione Comunale- ha dichiarato il sindaco di Orsomarso, Antonio De Caprioil recupero dei giochi tradizionali rappresenta la riscoperta della propria storia, delle proprie radici e il senso di appartenenza». Il progettista dell’iniziativa è l’esperto di marketing territoriale Valerio Caparelli, che commenta: «Il gioco è l’espressione più autentica della cultura umana e si adatta al contesto sociale in cui si svolge. Quando si gioca, diceva il Piccolo Principe, si apre il cuore e col cuore si vede e si apprendono le cose essenziali della vita».

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *