Redazione Paese24.it

Castrovillari, con “Mamma eroina” il dramma della droga a teatro

Castrovillari, con “Mamma eroina” il dramma della droga a teatro
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

testo e regia di Pierpaolo Saraceno; con Lina Bernanardi e Mariapaola Tedesco. Musiche di Concetto Fruciano; produzione Onirika del Sud. (Liberamente tratto da “mamma eroina” di Maricla Boggio).

I ricordi. L’amore. La quotidianità fatta di piccole cose. E poi la delusione. La forza d’animo. Il dolore. L’affetto che non fa ragionare. Il tema della droga che, dopo più di trent’anni, ha sempre la stessa drammatica attualità. E’ “Mamma eroina”, lo spettacolo andato in scena ieri (martedì), al teatro Sybaris di Castrovillari, in occasione dell’ottava edizione del Calàbbria Teatro Festival. Ad emozionare e attrarre gli spettatori, sul palcoscenico, le attrici Lina Bernardi e Mariapaola Tedesco. Dopo oltre trent’anni, perché l’opera è tratta liberamente da “Mamma eroina” di Maricla Boggio, scritta nel 1983. Ora, il regista Pierpaolo Saraceno ne propone una versione rivisitata. Ecco che un monologo diventa, così, una sorta di dialogo interiore. Una coscienza che parla, una mente che esplode, una gestualità che riesce ad esprimersi pur stando immobili. Sul palco, due figure femminili, opposte, ma che rappresentano un’unica donna.

Nella sala d’attesa di un pronto soccorso, una madre accorsa dal lavoro di pulizie perché la figlia è stata ricoverata per un’overdose, racconta la storia della sua famiglia. Lei, di origine contadina, impegnata con i figli e con la gestione della casa, la cui vita è scandita dai ricordi e dalla nostalgia verso le cose più semplici, dal grano al vino, al latte, all’uccisione del maiale, ai bucati preparati con la cenere e stesi sul prato.

La figlia, cresciuta nel contesto cittadino, sprofonda, invece, nel dramma della solitudine fino a trovare rifugio nella droga. La casa che diventa luogo di siringhe e vetri rotti di fiale. E, così, inizia l’incubo più grande per una mamma, al fianco di una “creatura che non riconosce più”. Un crescendo di emozioni e tensione, in cui si mescolano amore e dolore. Una mamma davvero “eroina”. Di estremo coraggio.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *