Redazione Paese24.it

Scalea, Guardia Finanza. Medaglia Mauriziana per il luogotenente Crea

Scalea, Guardia Finanza. Medaglia Mauriziana per il luogotenente Crea
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Riconoscimento al merito di dieci lustri di carriera militare. A ricevere la «Medaglia Mauriziana» anche il Luogotenente Giovanni Crea. La cerimonia si è tenuta presso la caserma “P. Laganà” di Catanzaro, sede del Comando Regionale Calabria dove il Comandante Regionale ha insignito della “Medaglia Mauriziana” al merito di dieci lustri di carriera militare, Ufficiali ed Ispettori in servizio o già in servizio presso i Reparti della Calabria. La «Medaglia Mauriziana» fu istituita con le Regie Magistrali Patenti il 19 luglio 1839, con il nome di «Medaglia Mauriziana al Merito Militare di 10 lustri». Successivamente, l’attribuzione dell’alta onorificenza, la più importante per le fiamme gialle, è stata disciplinata con Regio Decreto 21 dicembre 1924, poi sostituito dalla Legge n. 1327 dell’ 8 novembre 1956. Destinatari sono gli ufficiali e sottufficiali della Finanza che abbiano compiuto 50 anni di servizio militare calcolati con particolari parametri, secondo i quali gli anni in cui il militare ha avuto funzioni di comando valgono il doppio.

Alla cerimonia oltre a numerosi presenti, in rappresentanza dell’Associazione Nastro Verde della Calabria è intervenuto il Segretario della Sezione Calabrese dei Decorati della Medaglia Mauriziana. Tra gli insigniti il Luogotenente Giovanni Crea attualmente in servizio alla Tenenza di Scalea. Precedentemente. alla sede di Taranto, è stato stretto collaboratore dell’attuale procuratore capo di Matera, Pietro Argentino, dove ha eseguito una complessa indagine nel settore della spesa pubblica accertando 11 miliardi di lire e segnalando 350 persone di cui 18 in stato di arresto. Successivamente ha eseguito un’importante indagine di polizia giudiziaria, su delega della Procura della Repubblica di Lagonegro in provincia di Potenza, guidata dall’allora procuratore Michelangelo Russo, denominata “Usura in Val D’Agri”, tra gli indagati anche un cardinale. Durante l’attività di servizio ha totalizzato oltre venti anni di Comando, ottenendo anche la medaglia d’oro di lungo Comando.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *