Redazione Paese24.it

A Morano la traslazione del Servo di Dio don Carlo De Cardona

A Morano la traslazione del Servo di Dio don Carlo De Cardona
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Domenica 2 dicembre, le spoglie mortali del Servo di Dio don Carlo De Cardona, sacerdote attivo nel secolo scorso in Calabria e costantemente impegnato per l’edificazione spirituale e sociale della classe operaia, saranno traslate dal cimitero di Morano Calabro – dove nacque il 4 maggio 1881 e si spense il 10 marzo 1958 – alla chiesa parrocchiale Santa Maria Maddalena.

La cerimonia, promossa dalla Diocesi di Cassano Jonio, avrà inizio alle ore 16, con il raduno dei fedeli presso la tomba del prete moranese e, dopo il rito dell’estumulazione, partirà la processione, sotto la guida del vescovo, mons. Francesco Savino, fino alla chiesa dove don Carlo De Cardona ricevette i sacramenti dell’iniziazione cristiana. Alle 17, sarà celebrata la Santa Messa presieduta dal presule cassanese, affiancato dai presbiteri. Al termine, si procederà con il posizionamento del feretro nel nuovo e definitivo sepolcro ricavato nel transetto della Collegiata, in cornu epistolae.

«Oggi – commenta il sindaco di Morano, Nicolò De Bartolo – tutto il popolo moranese, legato alla figura ieratica di don Carlo, attende con ansia di poterlo onorare sugli altari. Un orgoglio per tutti noi: per la politica, che da lui molto ha da imparare; per i laici, credenti e non, che ne ammirano le doti di uomo giusto, abile nella gestione e nella soluzione di complesse problematiche sociali; per i sacerdoti che trovano in lui l’esempio luminoso di come l’esercizio eroico delle virtù cristiane possa essere sempre attuale e realizzabile».

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *