Redazione Paese24.it

“Riscoprirsi madre” presentato a San Severino. «Annunciare il Vangelo attraverso la letteratura»

“Riscoprirsi madre” presentato a San Severino. «Annunciare il Vangelo attraverso la letteratura»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

“Riscoprirsi madre”. E’ il nuovo libro (nella foto la copertina) di don Alessandro Carioti presentato a San Severino Lucano, scritto – ha dichiarato lo stesso parroco originario di Catanzaro – per «comunicare un messaggio di fede e di speranza che tenesse conto di una forma semplice e al contempo profonda, con l’intento di comunicare dei valori cristiani». La voce narrante del racconto è quella di una madre la quale, dopo un vissuto sofferto, dovrà affrontare un’ulteriore prova: Greta, sua figlia, è succube della droga. Il racconto rivela come qualunque difficoltà non debba essere un motivo di resa, bensì una ragione per combattere e sperare, nella fede, in una soluzione possibile.

L’incontro è stato organizzato dal parroco di San Severino, don Antonio Zaccara, con la volontà di «annunciare il Vangelo attraverso la letteratura. Un romanzo semplice – ha affermato il prete – può descrivere situazioni di vita ordinaria complicate o meno, che se vissute in un’ottica di fede possono essere affrontate con attenzioni diverse».

Soddisfatto anche il sindaco, Franco Fiore. «Abbiamo avuto occasione, sia come amministratori ma anche come genitori, di riflettere sul rapporto genitori-figli, sulla necessità di colloquio con le nuove generazioni e sul ruolo educativo della chiesa. Grazie alle tematiche del libro di don Alessandro abbiamo parlato di temi sociali, quali il disagio, la droga e altre forma di devianze, argomenti su cui è necessario non abbassare la guardia».

«La ragione di fondo per scrivere questo romanzo – ha spiegato, infine, l’autore – è stata quella di trasmettere un messaggio di fede e di speranza che tenesse conto di una forma semplice e al contempo profonda, con l’intento di comunicare i valori cristiani».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *