Redazione Paese24.it

Shopping con soldi falsi dal web. Sgominata baby gang in azione nell’Alto Jonio

Shopping con soldi falsi dal web. Sgominata baby gang in azione nell’Alto Jonio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Hanno acquistato su internet un pacchetto di banconote false per un valore di 5 mila euro in tagli da 100, 50 e 20, in più tranche, per poi fare shopping in vari negozi dell’Alto Jonio. Cinque minori incensurati, di Corigliano, Rossano, Oriolo e Trebisacce sono stati denunciati dai carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro per aver speso e introdotto sul mercato monete false. Denunciati anche una donna di 42 anni ed il figlio 18enne, di Napoli, responsabili della fabbricazione e spedizione delle banconote contraffatte.

Le indagini dei militari della Stazione di Roseto Capo Spulico, guidati dal maresciallo Marco Carafa, sono partite in seguito alla denuncia di alcuni commercianti di Trebisacce e Roseto Capo Spulico che avevano incassato banconote da 50 euro false, ma di ottima fattura, tanto da non essersi accorti inizialmente della loro non autenticità. Grazie alle immagini della videosorveglianza è stato individuato un giovane di Corigliano ma residente ad Albidona, che, vistosi scoperto, ha confessato l’accaduto e consegnato spontaneamente il suo cellulare. Così si è potuto risalire agli altri responsabili. I giovani avevano ricevuto una prima tranche di denaro (1650 euro falsi), pagandola 500 euro.

Tramite gli ulteriori accertamenti di polizia giudiziaria e d’intesa con la Procura dei minorenni di Catanzaro, si è deciso, visto la collaborazione di alcuni dei componenti della gang, di attendere la ricezione di un ultimo plico di soldi contraffatti, che era in arrivo. Così si  è riusciti ad identificare i mittenti e a sequestrare ulteriori 1.100 euro falsi inviati tramite pacco postale, prima che venissero immessi nel circuito economico locale.

Per i cinque minorenni è scattata, visto il loro stato da incensurati e la giovane età, la denuncia a piede libero; stesso provvedimento per i due napoletani, produttori di denaro contraffatto; poste sotto sequestro tutte le banconote false reperite, così come i cellulari dei ragazzi.

Federica Grisolia

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *