Redazione Paese24.it

Castrovillari. Nasce il “Cammarata Forum” per la tutela del territorio

Castrovillari. Nasce il “Cammarata Forum” per la tutela del territorio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

"No al distretto dei rifiuti. Si al distretto agroalimentare"

Download PDF

E’ nato il “Cammarata Forum per la tutela e la valorizzazione del territorio”. Un “contenitore” di soggetti (cittadini, associazioni, comitati, forze sociali e politiche) e di idee che ha lo scopo di «tutelare e valorizzare il territorio, nello specifico quello di Cammarata e della Piana di Sibari, la cui vocazione e produttività nell’ambito dell’agro-alimentare è uno dei pochi “punti fermi” dell’economia e dell’occupazione locale e regionale. E che, purtroppo, – precisa il Forum – viene puntualmente aggredito da iniziative speculative che determinerebbero danni gravissimi per l’intera comunità».

Già lo scorso anno, si era elevata la protesta contro una possibile piattaforma, a Cammarata, per il trattamento dei rifiuti provenienti dal Sud d’Italia. Ora, lo stato di agitazione è tornato tra i cittadini, gli imprenditori e i lavoratori de comparto agricolo, nonché sindacati di categoria, associazioni professionali, comitati.

«Nel distretto agroalimentare di qualità (DAQ) di Sibari – dichiarano i membri del nuovo Forum – lavorano oltre cinquemila persone, e se questo progetto andasse in porto, sarebbe un colpo mortale per l’intero settore agroalimentare, fiore all’occhiello del comprensorio. Piazzare qui, un impianto di questa portata e tipologia, nel cuore pulsante di un territorio che produce ortaggi e frutta di alto pregio, significherebbe mortificare questo lembo di terra e seppellirebbe, definitivamente, il passato, il presente e il futuro di intere generazioni».

«Il Governo regionale – conclude il Cammarata Forum, dicendosi pronto alla mobilitazione – continua a tacere sulla vicenda, e questo fa sospettare cose non gradite. Nessuno pensi di portare progetti di rapina e di aggressione territoriale e occupazionale, oltre a rischi per la salute in un ambito non più disposto a subire passivamente ogni insulto».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *