Redazione Paese24.it

Villapiana, Lega in piazza a sostegno di Salvini

Villapiana, Lega in piazza a sostegno di Salvini
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Anche a Villapiana, come in tante piazze italiane, un gazebo della Lega al fianco del suo leader Matteo Salvini, contro la richiesta di autorizzazione a procedere, avanzata al Senato dal Tribunale dei Ministri di Catania, in merito al caso Diciotti. In Calabria oltre 7.000 le firme raccolte e circa 150 nel borgo dell’Alto Jonio, dove l’iniziativa è stata organizzata dalla dirigenza locale, guidata dal segretario Michele Grande, attuale presidente del Consiglio comunale. I volontari hanno accolto decine di cittadini che si sono recati sul posto per testimoniare la propria solidarietà al Ministro dell’Interno con una raccolta firme e lo slogan “Salvini non mollare”.

«Dire che è stato un successo sarebbe un eufemismo – ha affermato Michele Grande. Una grande comunità che cresce e si radica sempre più su un territorio che ha tanto bisogno di risposte e di concretezza».

Federica Grisolia

Share Button

2 Responses to Villapiana, Lega in piazza a sostegno di Salvini

  1. Eugenio Grisolia 2019/02/04 at 23:07

    Non abbiamo strade, non abbiamo ponti, non abbiamo treni, non abbiamo lavoro, non abbiamo turismo, non abbiamo commercio, non abbiamo depuratori, non abbiamo uno spiccato senso civico ma l’unica preoccupazione che affligge alcuni cittadini di un piccolo Comune della Regione più povera dell’Unione Europea è difendere il povero Salvini con la loro autorevole firma.

    Rispondi
  2. Giacinto Oriolo 2019/02/05 at 18:56

    Non abbiamo NIENTE. Per lo piu difendere un ministro della Repubblica condannato a restituire ben 49 milioni di euro che trovando un fantomatico accordo con i giudici deve restituire 49 milioni in 70 anni…..Questa è l’italia, l’Italia del cambiamento e del rinnovamento. Solo oggi trovo una spiegazione come mai la Calabria sia indietro anni e anni rispetto a altre regioni. Per forza, noi calabresi siamo un popolo di merda meditando il peggio del peggio….

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *