Redazione Paese24.it

Castrovillari. Una mostra sulle donne italiane impegnate in tanti mestieri

Castrovillari. Una mostra sulle donne italiane impegnate in tanti mestieri
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Verrà inaugurata sabato 2 Marzo, alle ore 18, a Castrovillari, nell’antica Cappella Gallo, la mostra “Donne e Mestieri nel ‘900 – La lunga storia delle donne italiane e del lavoro. Da Trieste a Lagonegro a Castrovillari”. A portare i saluti: Domenico Pappaterra, presidente del Parco Nazionale del Pollino; Gerardo Bonifati, direttore artistico della Pro Loco di Castrovillari; Lucio Libonati, vicepresidente della Fondazione “Cicerone”. Interverranno: Ines Ferrante, presidente di Mystica Calabria; Rosy Parrotta e Angela Micieli, direttrici artistiche di Khoreia 2000; Agnese Belardi, presidente del “Salotto letterario Donata Doni” di Lagonegro (Pz).

Ideata proprio dalla prof.ssa Belardi, in sinergia con numerose associazioni fra le quali “Espansioni”, “Museo Postale e Telegrafico della Mitteleuropa” di Trieste e  “Fondazione Cicerone”, la mostra è approdata anche a Castrovillari e le associazioni culturali “Mystica Calabria” e “Khoreia 2000”, condividendo lo spirito e l’idea progettuale dell’esposizione hanno inteso dare il loro contributo con alcuni scatti storici che ritraggono le donne castrovillaresi protagoniste non soltanto di un mondo contadino e rurale, ma che si sono distinte anche come abili pasticcere, ostetriche (Maria Arcieri, la prima donna italiana docente universitaria di Ostetricia), sarte, ricamatrici, maestre, farmaciste, medici e sindaci Caterina Tufarelli Palumbo in Pisani, la prima donna sindaco d’Italia, nel 1946 a San Sosti).

Oltre 100 pannelli suddivisi in varie sezioni, frutto di una lunga ricerca fra il Sud e il Nord, “uno sguardo sulla figura della donna italiana nelle società del passato e del presente, attraverso i vari mestieri svolti, contadina, artigiana, raccoglitrice di olive, magliaia, cucitrice, ricamatrice, sarta, parrucchiera, macellaia, lattaia, locandiera, fruttivendola, commerciante, ostetrica (l’antica levatrice o mammana), insegnante, poetessa, scrittrice, avvocatessa e medico. In occasione  della mostra verrà consegnato il Premio “Donna e lavoro” a Rosaria Buonferrato segretaria della Pro Loco di Castrovillari, una donna che con il suo lavoro, quotidiano e instancabile, ha contribuito alla crescita del territorio e, attraverso la sua attività svolta con spirito di abnegazione e sacrificio, è un esempio di vita impegnata e responsabile. Un significativo riconoscimento andrà anche alla prof.ssa  Agnese Belardi per la colta passione profusa in ogni iniziativa letteraria e culturale che la vede coinvolta. La mostra rimarrà aperta fino al 10 marzo a Castrovillari e successivamente approderà a Matera nel corso del 2019.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *