Redazione Paese24.it

Un film sul campo di concentramento di Ferramonti

Un film sul campo di concentramento di Ferramonti
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

È stato presentato a Roma, nella Sala della Regina a Montecitorio, il film del regista Salvatore Lo Piano intitolato “La croce e la stella”, le cui riprese risalgono al 2015, sulla storia del campo di concentramento di Ferramonti di Tarsia.

Un’opera volta a far conoscere al pubblico i fatti sul più grande lager fascista in Italia, aperto nel giugno del 1940 (e chiuso cinque anni dopo), dove vi furono internati ebrei stranieri presenti sul territorio italiano, ebrei italiani, antifascisti italiani e stranieri (dal 1941), gruppi di cinesi e profughi politici. Prodotto dalla Loading Production srl, per Salvatore Pate, e realizzato in modo indipendente, senza fondi pubblici, poiché autoprodotto, il film rappresenta il tentativo di costruire un ponte per un possibile dialogo tra fedi religiose e favorire la tolleranza fra i popoli.

Il conflitto interiore di un anziano sacerdote, alla ricerca di una verità mai inseguita verso le sue vere origini, apre una pagina di storia sconosciuta; perché Ferramonti è la storia: quella dell’uomo contro l’uomo. Con il proclama delle leggi razziali del 1938, inizia il racconto del regista calabrese che narra una vicenda atroce, ma con risvolti di rara profondità umana, svelando il lato solidale della popolazione calabrese e della stessa direzione del campo, verso i 3000 deportati, mitigando sofferenze e privazioni.

A rappresentare l’Amministrazione comunale di Tarsia, il sindaco, Roberto Ameruso, e i consiglieri Roberto Cannizzaro e Marco Cetraro. I lavori, aperti da Ettore Rosato, vicepresidente della Camera dei deputati, hanno visto la partecipazione, fra gli altri, del sindaco di Belmonte Calabro, Francesco Bruno, della presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane, Noemi Di Segni, e di una delegazione di alunni di una scuola romana. A seguire, la proiezione del film, che presto sarà disponibile per il grande pubblico.

Dopo una lunga fase di ricostruzione storica, “La croce e la stella” ha ottenuto il patrocinio morale dalla Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI), dalla Chiesa Cattolica mediante l’Ufficio per l’Ecumenismo ed il Dialogo Interreligioso della Conferenza Episcopale Italiana (CEI), dalla Lega Italiana per i Diritti dell’Uomo e da “Religion for Peace, tutte presenti alla proiezione. Prezioso l’aiuto dell’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza (ANCR) di Torino. Organizzato da Radio Sparlamento, all’evento, oltre le istituzioni della Camera dei Deputati, l’Anica, Rai Parlamento e ospiti del settore.

«Le storie ben raccontate, come “La Croce e la Stella” – ha affermato la presidente dell’UCEI, Noemi Di Segni – sono utili certamente alla memoria e meritano di essere viste e commentate nelle scuole».

«È un film che ci rappresenta – ha dichiarato il sindaco Ameruso – non solo dal punto di vista storico ma anche sociale. Infatti, per la maggior parte è stato girato nel nostro paese e tante sono le comparse della nostra comunità. Resta fondamentale il rapporto di solidarietà e umanità creatosi fra la gente di Tarsia e gli internati. Sono stati i miei concittadini di allora – sottolinea – ad aver alleviato, in diverse circostante, alcune sofferenze di quella povera gente, in episodi drammatici come la ritirata dei tedeschi e il pericolo di rappresaglie che incombeva sugli internati».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *