Redazione Paese24.it

A Castrovillari si è discusso delle opere compensative collegate alla nuova Ss106

A Castrovillari si è discusso delle opere compensative collegate alla nuova Ss106
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Si è svolta a Castrovillari una riunione tra la Regione Calabria, l’Anas e alcuni amministratori comunali dell’Alto Jonio per discutere sugli interventi di mitigazione d’impatto ambientale che si intendono effettuare nell’ambito dei lavori riguardanti la nuova Ss 106 da Sibari a Roseto Capo Spulico: proposte poi da trasferire poi sui tavoli ministeriali dell’Ambiente e dei Beni Culturali. 

L’incontro si è tenuto nel Municipio di Castrovillari – fanno sapere da Palazzo di Città – per una mera questione logistica in quanto i tecnici Anas, competenti per materia, si trovavano già sul territorio. Alla riunione, nella Sala Giunta, ha partecipato anche l’assessore alle Infrastrutture della Regione Calabria, Roberto Musmanno (di Castrovillari). Si è parlato di opere compensative che nel contempo dovranno servire anche a mettere in sicurezza ferite sul territorio provocate da agenti atmosferici. In questa ottica si è ipotizzata una ciclopista che possa congiungere Sibari a Roseto anche e soprattutto in un’ottica di valorizzazione turistica. Prossimo appuntamento, per continuare a discutere di queste soluzioni paesaggistiche da abbinare alla nuova arteria, si terrà il prossimo 21 marzo a Trebisacce.

Vincenzo La Camera

Share Button

One Response to A Castrovillari si è discusso delle opere compensative collegate alla nuova Ss106

  1. Vins 2019/03/08 at 18:12

    Qualcuno potrebbe dirglielo che quella che vuole essere un’idea innovativa in realtà era già presente nel progetto aggiudicatario che prevedeva per l’appunto una ciclopedonale che partiva dagli scavi di Sibari e arrivava fino a Roseto c.s.
    Peccato che poi in fase istruttoria nessuno dei comuni interessati dall’infrastruttura l’ha voluta la ciclabile, preferendo ad essa altre opere compensative….
    Un vero peccato.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *