Redazione Paese24.it

A Morano la prima giornata Decardoniana. “Se imparassimo ad amare la Calabria”

A Morano la prima giornata Decardoniana. “Se imparassimo ad amare la Calabria”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Si terrà domenica 17 marzo 2019, a Morano Calabro, la prima giornata Decardoniana e festa di San Giuseppe 2019 dal titolo “Se imparassimo ad amare la Calabria” (per la resurrezione morale ed economica dei poveri) come scriveva il sacerdote moranese don Carlo De Cardona per il quale è in corso il processo per la beatificazione. La giornata Decardoniana è organizzata dalla Diocesi di Cassano all’Jonio attraverso l’Ufficio diocesano per lo Sviluppo Integrale diretto da Mimmo Graziano. L’appuntamento – che si svolge con il patrocinio del Comune di Morano Calabro – si terrà nella Chiesa di San Nicol a partire dalle ore 10,15, per concludersi attorno alle 17,30.

All’incontro, moderato da Angela Marino, presidente diocesana di Azione Cattolica, oltre Mimmo Graziano interverrà Domenico Nunnari, giornalista, già vice capo redattore della TGR Calabria che relazionerà sul tema “Le pietre da ribaltare. Lettura analitica del nostro territorio.”

A seguire la visita al MusAp, il Museo dell’Agricoltura e della Pastorizia. Quindi la Santa Messa che sarà celebrata nella Parrocchia Santa Maria Maddalena. Dopo il pranzo con prodotti tipici locali, la giornata proseguirà nella sala consiliare del complesso di San Bernardino con la tavola rotonda dal tema: “Lo sguardo sulle speranze possibili”. Tre gli ambiti che saranno approfonditi: quello politico con l’assessore regionale Roberto Musmanno, quello sociale con Stefania Emmanuele e quello economico a cura del segretario generale della Bcc Mediocrati, Federico Bria. Quindi le conclusioni del vescovo di Cassano allo Ionio, don Francesco Savino che interverrà su: “Il Vangelo e la questione meridionale”.

Vincenzo La Camera

Share Button

One Response to A Morano la prima giornata Decardoniana. “Se imparassimo ad amare la Calabria”

  1. Eugenio Grisolia 2019/03/16 at 16:40

    Il titolo è bellissimo. Dovrebbe diventare il motto di tutti i Calabresi.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *