Redazione Paese24.it

Montegiordano. Rifiuti abbandonati dal Comune nel letto di un torrente

Montegiordano. Rifiuti abbandonati dal Comune nel letto di un torrente
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Durante un servizio di controllo del territorio comunale di Montegiordano, i Carabinieri Forestali di Oriolo e Trebisacce hanno notato un autocarro carico di residui vegetali imboccare una strada sterrata e dirigersi verso l’alveo del Torrente “Garibaldi”. Giunti sul posto, i militari hanno constatato che il materiale contenuto nel cassone dell’autocarro, con a bordo due uomini, era stato scaricato sul posto. Le due persone sono risultate essere dipendenti comunali che depositavano tale materiale per conto del Comune in questa area. Area dove si era venuto a creare un deposito incontrollato di rifiuti eterogenei speciali non pericolosi (sfalci di potature, pezzi di ferro, plastica, vetro, alluminio, ceramiche), frutto di ripetuti accumuli direttamente nell’alveo nudo senza alcuna protezione per le matrici ambientali.

I rifiuti, quindi, venivano per mano dei dipendenti e su commissione delle Autorità tecniche e politiche del Comune di Montegiordano, abbandonati in maniera disordinata e senza alcuna cautela per l’ambiente direttamente nell’area sottoposta a vincolo paesaggistico ambientale, con inevitabile deturpamento di bellezze naturali e concreto pericolo per l’ambiente e la salute pubblica. Preso atto della gestione illecita di rifiuti con occupazione di un quoziente di terreno appartenente al demanio fluviale, si è proceduto al sequestro dell’area occupata dai rifiuti e del autocarro utilizzato per il trasporto degli stessi, di proprietà del Comune di Montegiordano, e al deferimento degli autori dell’abbandono, del committente e del responsabile comunale del servizio per gestione illecita di rifiuti non pericolosi.

Redazione

Share Button

One Response to Montegiordano. Rifiuti abbandonati dal Comune nel letto di un torrente

  1. Eugenio Grisolia 2019/03/26 at 23:28

    Purtroppo l’ennesimo esempio di disprezzo verso la nostra stessa terra.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *