Redazione Paese24.it

Villapiana dopo tragedia operaio. Festa patronale sotto tono. Luminarie spente e niente musica

Villapiana dopo tragedia operaio. Festa patronale sotto tono. Luminarie spente e niente musica
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Fiori sul luogo della tragedia a Villapiana centro

E’ stata effettuata giovedì scorso 9 agosto, come disposto dal giudice Mariasofia Cozza del tribunale di Castrovillari che si occupa del caso, l’autopsia sul corpo del giovane operaio polacco, Gacek Szczygiel di 27 anni, morto mentre stava lavorando per la sistemazione della luminarie per la festa patronale. L’incidente è avvenuto il primo agosto scorso in Via Roma nel tardo pomeriggio, quando l’operaio, per cause che sono al vaglio della magistratura, è caduto rovinosamente a terra dalla cima di una lunga scala, a nulla valsero i soccorsi ricevuti da alcuni medici del posto, lo sfortunato Gacek era morto sul colpo. Ora la salma dello sfortunato operaio può essere riconsegnata ai propri familiari per fare ritorno nella sua città natale di Jaslo in Polonia dove verrà tumulato. Questa terribile tragedia sul lavoro ha destato viva commozione nella comunità villapianese, che ha conosciuto altre tristi disgrazie negli anni passati avvenute sempre in prossimità delle feste patronali. E sarà stata anche l’emotività a disorientare quanti hanno alimentato una inutile polemica verso gli amministratori che sin dal momento dell’incidente mortale avevano annunciato l’annullamento delle festività civili, almeno per quelle di competenza del Comune riferite al 14 agosto. Mentre la decisione per la festa civile del 15 agosto sarebbe spettata al comitato organizzatore, che invece si è fatta attendere. Lo stesso parroco padre Romano aveva già dato indicazioni a che si svolgessero solo i riti religiosi. La polemica “festa sì , festa no” ha provocato la dura presa di posizione del sindaco Rizzuto che anche attraverso facebook ha stigmatizzato le “voci critiche” di alcuni favorevoli ai festeggiamenti. “C’è qualcuno che solo apparentemente si definisce cattolico credente –afferma il sindaco- ma poi di fronte ad un ragazzo che ha perso la vita sul posto di lavoro ha la sola preoccupazione di pensare alla festa. La vita umana prima di tutto – sostiene il sindaco- il rispetto verso una persona che muore ci deve essere sempre”. Nel corso della processione del 15 agosto con la Madonna del Piano il sindaco Rizzuto a nome dell’amministrazione comunale e della cittadinanza deporrà un mazzo di fiori sul luogo della tragedia dove sarà ricordato il giovane tragicamente scomparso.

Pasquale Bria

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *